2 luglio 2010

164 - Come volevasi dimostrare. La Notte Bianca è stata un successo.


Avrebbe dovuto essere questo un post prevalentemente celebrativo per la strepitosa riuscita della 1a edizione della Notte Bianca.

Ma la tragedia che ha colpito la nostra comunità giovedì pomeriggio mi costringe a spostare il sentimento dalla gioia alla più profonda tristezza e commozione.
Perdere una figlia in tenera età produce sempre un sentimento di sofferenza estremamente difficile da sostenere.
Ma credo che perdere una bimba nella stessa circostanza come è successo a mamma Federica e papà Valter, produca per davvero un dolore inimmaginabile.
Per quello che può servire in questi momenti, Vi sono per davvero vicino.


Prima l'abituale incipit.
E due !!.
Dopo il suggerimento del Blog, accolto dal Comune, a produrre delle note informative da inviare ai cittadini sul pericolo delle truffe a domicilio (odioso in particolare se commesso a danni di anziani), Palazzo Pollone annuncia la produzione della brochure sulla corretta raccolta differenziata.
Dovrebbe essere del tipo "cosa e come differenziare e dove portare i vari tipi di rifiuti"
Ne avevamo parlato ad aprile, nel
Post con alcuni suggerimenti alla Consulta per l'Ambiente. dove invitavo la consulta appunto a porporre la cosa all'Amministrazione.
Bene.

Veniamo alla Note Bianca
(Il video è dell'amico Murelli, sempre pronto a depositare in youtube le testimonianze di vita pubblica della nostra cittadina)
Lo spartiacque
Qualcuno diceva che "c'è sempre un prima e dopo, ci sono avvenimenti che segnano una linea di demarcazione netta e chiara".
Il 26 giugno 2010 sarà ricordata come una data storica per il paese.
Io in 16 anni che abito qui mai ha assistito ad un evento che ha riempito vie piazze in questa maniera.
Ma la mia non un'opinione isolata.
Si provi a vedere in Facebook i commenti, si provi a parlare nei locali con al gente.
Mai si era vista una roba simile.
La gente è rimasta entusiasta.
Si parla di 3.500-4.000 persone.
So no sempre cifre difficile da confermare.
Certo sono i quasi 1.000 coperti ai osti di ristoro, e questo la dice lunga sul successo.

Abbattuto il muro dei luoghi comuni
Provate a riflettere.
In una serata, in poche ore si sono messi in discussione tutti i luoghi comuni negativi sannazzaresi: 1) a Sannazzaro non c'è mai niente, 2) a Sannazzaro la gente non esce, 3) a Sannazzaro non si viene per dvertirsi, si va altrove.
Il muro dei luoghi comuni ha subito una botta fortissima, ha aperto una crepa dalla quale filtra la luce del cambiamento mentale.
Vuol dire che per davvero "volere è potere", se si vuole si può, se Comune, commercianti, Pro Loco lavorano in squadra Sannazzaro riesce a produrre risultati come quello di sabato scorso.
L'effetto positivo della Notte Bianca è percepibile anche in rete, dove numerosi siti vengono evidenziati dai motori di ricerca.
Il nostro paese per tante persone, enti e associazioni (si pensi alla Marina Militare, agli hobbisti di auto d'epoca, ai gruppi musicali, agli espostori e alle decine e decine di visitatori giunti da fuori) rappresenterà un bel ricordo.
Per Sannazzaro non certo cosa da poco.
L'amico Airoldi, in un commento, ha scritto che "è stato dato ai sannazzaresi quello che non hanno mai avuto".
Non sono d'accordo, perchè i sannazzaresi "si sono presi quello che non hanno mai voluto avere".

Lesson Learned : cosa abbiamo imparato.
Bè intanto che la Notte Bianca è da rifare per gli anni a venire, sarebbe un delitto non ripetere la Notte Bianca.
Ricordiamocelo bene chiunque vinca le prossime elezioni amministrative, se lo ricordino la gente, i commercianti che dovranno annotarselo.
Poi che, come dico da sempre (e come i lettori del Blog hanno chiesto in un sondaggio a ottobre 2009), abbiamo la prova che possiamo almeno tentare di chiudere al traffico via Cairoli, via SS Nazza
ro e Celso, Piazza Palestro e viette attigue.
Per lo meno il Sabato sera
da giugno a settembre.
Dobbiamo fare in modo che la gente della zona scelga Sannazzaro per l'uscita il Sabato.
O che almeno lo metta nel panorama delle soluzioni possibili.
Ci sono dei miglioramenti certo : qualcuno ha notato la zona di San Beranrdino sguarnita.
Ma non ne conosco i motivi.
In ogni caso tutto è perfettibile, Notte Bianca inclusa.

Zerbi, l'Assessore cittadino.
Da tempo parlo che ci vuole in paese una spinta verso l'innovazione.
Non perchè il nuovo è sempre migliore, ma "innovazione" è sinonimo di nuovo e migliore.
Ecco credo di poter dire che Zerbi con la Notte Bianca da lui fortemente voluta (e con altre iniziative culturali) a mio avvisa interpreta il ruolo di innovatore.
E non penso di sbagliare a definirlo l'Assessore più "cittadino" tra i politici attuali e precedenti.
Sono convinto che questo sia alla base delle nuove ideee portate da Zerbi. sino a questo momento.
Detto ciò sarebbe un errore imperdonabile assegnare il merito del successo alla sola amministrazione.
Il merito va a tutti, come dicevo poc'anzi.

I ringraziamenti.
Doverosi per i commercianti che ci hanno creduto e che hanno tenuto aperto i negozi.
Per gli esercenti di bar, pizzerie etc, che hanno riempito e vie di tavoli all'aperto.
All'Amministrazione comunale, ovviamente, che con questo evento ha segnato in questo campo la tanto attesa discontinuità con il passato.
Ai cittadini, a tutti noi che abbiamo popolato la notte sannazzarese.
Alla Pro Loco, al GLPI e alla Corce d'Oro: chi è arrivato in paese ha potuto davvere notare il meglio di Sannazzaro.
E poi i complimenti devono essere fatti in particolare ai dipendenti del Comune : intanto perchè hanno ben operato nell'organizzazione e nella realizzazione e sono convinto che coordinare tutte le attività non sia stato assolutamente facile. Poi perchè, pur avendo cessato le manifestazioni alle 4-5 di mattina, pochissime ore dopo il paese era già stato ben ripulito.

L'arredo urbano.
Chi legge il Blog da tempo sa che ho sempre appoggiato i lavori di rifacimento dell'arredo urbano.
Quando la precedente giunta (Fazzini in primis ci mise la faccia), lanciò la più grande opera da sempre di abbellimento del centro del paese, moltissimi erano critici.
C'erano, è ovvio, i "sempre-crtici", che in paese popolano le discussioni pubbliche.
Ma c'era anche chi criticava con il ragionamento.
In quel tempo molte volte scrissi che il paese vive se vive il centro e il centro vive se è popolato, non con i carabinieri, ma con la gente.
E in qust'ottica i lavori rispondevano ad un'esigenza giusta : il Comune creò le condizioni per allestire eventi proprio come la Notte Bianca.
L'occhio va ripagato e aiuta la fidelizzazione del cittadino al prorio paese.
Purtroppo tra coloro che oggi amministrano, molti allora si schierarono tra i "sempre-critici".

Ha vinto Sannazzaro.
Abbiamo vinto una scomessa, ha vinto chiunque ha creduto in questo evento.
Ha vinto l'Amministrazione, ma prima ancora hanno vinto i commercianti, hanno vinto i cittadini, ha vinto la Pro Loco.
Ha vinto Sannazzaro tutta.
Ha vinto il nostro paese.




64 giorni senza semaforo in via Vigevano - oltre 2 mesi...
(Ma i dossi sono all'orizzonte)
La campagna che sta conducendo il Blog sull'installazione dei dossi artificiali in via Vigevano sta producendo i primi risultati.
Il sondaggio condotto nello scorso mese di maggio raccolse tra i cittadini il 75% di favorevoli ai dossi.
Il semaforo rosso-stop continua ad essere fuori uso, ma la sua riparazione o sostituzione risulterebbe un palliativo, in quanto è noto che per fermare gli invicili che sfrecciano nella via occorrono le barriere fisiche.
Soprattutto in via Vigevano, strada strategica del paese che dista a pochi metri dalla Scuola elementare, dal Campo sportivo e, ovviamente, dai poplosi rioni Contò e Gorana.
In Municipio sembrano averlo finalmente capito e indiscrezioni dicono che a Palazzo Pollone stiano valutando l'opzione dossi.
E' assolutamente presto per cantare vittoria.
Aspettiamo fiduciosi gli sviluppi.
(Nell'immagine Trivolzio, ij provincia di Pavia.
La strada che entra in paese ha diversi dossi eleganti in porfido. Utili e gradevoli.)


Erba alta da record: il Contò nella giungla (e le zanzare ringraziano)
Le imamgini non sono un granchè.
Ma le aree verdi del Contò fino a giovedì erano molto peggio.
Poi hanno tagliato l'erba, ma c'è evidentemente qualcosa che non va nel servizio comunale.
L'erba sommergeva le panchine, invadeva i sentieri di pietra rendendo inutilizzabile lo spazio ai bimbi e ai ragazzi.
Nella stessa zona anni fa fui testimone diretto di una scena emblematica.
Una persona si attrezzò di tagliaerba privato e fece lui quello che il Comune non riusciva a fare : tagliare l'erba appunto.....
Poi portò i suoi figli a giocare.
Una scena che simboleggiava bene il fallimento dei servizi comunali (e che si aggiunge alla signora che taglia l'erba davanti a casa perchè "se aspetto il Comune...")
Negli anni scorsi c'è stato un passo in avanti e, fatto salvo la sempre difficoltosa partenza a marzo-aprile, il taglio nei mesi seguenti veniva fatto con migliore costanza.
Quest'anno abbiamo fatto un passo indietro.
Il contratto "global service" (sottoscritto a partire dal 1 giugno scorso) mi dicono è stato rivisito, forse migliorato, forse comprensivo della cura delle infrastrutture.
Forse.
Ma perchè gli addetti si vedono così raramente?
Perchè negli altri comuni questi problemi non esistono ?
Se la ditta che provvede all'appalto non funziona... cambiamola e/o mettiamo delle penali (in tutti i contratti ci sono i cosidetti SLA, ovvero il controllo sul livello del servizio)
Sarebbe davvero triste vedere ancora qualcuno armato di tagliaerba "farsi giustizia da solo".
E sarebbe peraltro un controsenso aver speso i soldi pubblici per l'acquisto delle piante-anti zanzare lasciando proliferare l'erba (e quindi le zanzare..) grazie all'incuria delle aree verdi.
(p.s. L'anno scorso lessi sul giornale di un assessore di un comune della zona che pubblicamente redarguiva una società che aveva in appalto un servizio.
Servizio pagato con le tasse dei cittadini.
Quanto mi piacerebbe sentire parole simili anche da noi....)








Il Vice Sindaco risponde sugli escrementi ai piccioni
Elvio,
con riferimento a quanto scrive il sig. Ziglioli, (
ndr post del 25/6/2010) informo che finalmente, come preannunciato settimane fa, a giorni disporremo degli apparecchi a corrente per allontanare i volatili.
Tali apparecchi, gia' sperimentati positivamente da Pietro Gatti sul tetto di casa sua, emettono ultrasuoni che allontanano i volatili.
Ho dato disposizione di piazzarne alcuni sia su luogo fotografato, sia sul tetto dell'asilo di via Traversi, sia in alcuni punti del palazzo comunale.
Se l'esperimento, come sono certo,riuscira', lo estenderemo in altri edifici comunali.
Dato il costo contenuto delle apparecchiature (euro 50 cadauno spese di spedizione comprese) ed il largo raggio di azione, se qualche utente privato le volesse usare per casa propria,
puo' chiedere informazioni all'ufficio tecnico del Comune.
Pietro Signorelli


Chi fosse interessato a cacciare i piccioni dal proprio tetto, adesso ha una soluzione.
Mi permetto di rilevare solo che, per la pulizia dei marciapiedi almeno del centro, sarebbe utile valutare l'acquisizione dei getti di vapore (con effetto igienizzante)

La Provincia di Pavia abdica anche alla programmazione viaria ?
Leggo dello stupore di Fazzini (ex vicesindaco e attuale consigliere provinciale) in merito alla latitanza della Provincia di Pavia sulla programmazione viaria, limitandosi, dice lui, ad accogliere quello che viene avanti dalla Regione.
Sono pienamente d'accordo.
La Provincia ha pochissime competenze e una di queste è proprio la gestione delle strade.
Se la Provincia abdica alla programmazione, che presuppone quindi scelte e direttive anche politiche, resta un mero ente amministraitvo e gestionale e quindi diventa superflua la componente politica.
Di conseguenza eliminando l'ente politico e trasformando le Provincie in enti tecnico-operativi coordinati dalla Regione si avrebbero consistenti risparmi in termini di denaro e personale.
Insomma questa è a mio avviso un'ulteriore conferma che le competenze delle Provincie possono essere riallocate in alto (Regione) o in basso (comuni) e che quindi questi enti locali possono essere aboliti.
Posso dare anche a Fazzini il benvenuto tra coloro che chiedono questo gesto di coraggio?

Sicurezza. Ma le videocamere funzionano ?
Dopo gli atti vandalici al Parco Allevi, area verde senza pace, i furti delle piantine al cimitero e l'auto incendiata davanti alla Casa Parrocchiale, quello che io e molti cittadini si chiedono è : ma non ci sono le telecamere che registrano i movimenti?
Io mi ricordavo che qualche anno fa il Comune aveva acquistato diverse telecamere.
Ad esempio, nell'ambito del progetto Terrae Fluviales, del 2005, furono spesi 148.000 euro per l’acquisto di impianti TV CC digitali.
La spesa dell'intero progetto, se non ricordo male, era per il,70% in carico alla Regione e il restante a carico del consorzio dei comuni di Sannazzaro, Lomello, Mezzana Bigli, Gambarana e Pieve del Cairo.
Successivamente, furono acquisite altre videocamere dislocate in varie parti del paese.
In tutto qualche decina.
Domanda 1: al Parco Allevi e al cimitero sono piazzate le telecamere ?
Se la risposta è no, mettiamole, visto che la mamma dei rimbambiti che fregano i fiori al cimitero è sempre incinta, così come quella dei teppisti che devastano il Parco Allevi.
Se la risposta è si, domanda 2 : hanno ripreso qualcosa, funzionavano, e funzionano di notte ?


Il Blog anticipa i tempi.
Chi segue Cambia Sannazzaro, si ricorderà certamente che a inizio 2009 realizzammo la prima e finora unica Customer satisfactione dei servizi comunali (nella colonna a destra sempre consultabile).
Si trattava di un questionario on-line che chiedeva ai lettori del blog (cittadini-contribuenti) di esprimere una valutazione sui diversi servizi erogati dal Comune.
Un'iniziativa che io insisto nel dire dovrebbe essere condotta dall'Amministrazione comunale con lo scopo di :
1) verificare il grado di soddisfazione dei cittadini nei confronti dei servizi comunale
2) valutare eventuali interventi di miglioramento
3) avere un supporto formale per gli interventi che eventualmente vengono adottati in seno di revisione dei servizi.

Adesso il Ministero della Funzione Pubblica lancia la seconda edizione del bando "mettiamoci la faccia", così descritto :"La partecipazione all’iniziativa è aperta a tutte le amministrazioni che vogliono migliorare la gestione della Customer Satisfaction e la qualità dei servizi erogati ai propri utenti. "
Il Ministro Brunetta invita le amministrazioni interessate ad aderire. "
Questo è
il link.
L'Innovazione passa anche da iniziative come questa.

Bacheche in periferia.
Dopo la rinnovata planimetria in rilievo di Piazza Palestro (con la scritta Sannazzaro in dialetto), alcune bacheche sono state installate anche nei rioni periferici.
Un ulteriore veicolo di comunicazione utile ai cittadini



Nuovo Gruppo in FaceBook : Questa è Sannazzaro
Segnalo un originale gruppo in Facebook, "Questa è Sannazzaro".
Il gruppo comprende diverse immagini tipo wall-paper che riproducono le diciture dei "luoghi comuni" sannazzaresii, quali "la piazzetta", "la padus", "il torneo di calcetto all'Oratiorio", "i kebabbari", "le colazioni al Cordera" "l'Ipsia", il"Cag" etc.
Potrebbe essere un ottimo spunto per produrre t-shirt.

Posta Certificata in Comune.
Anche il Comune di Sannazzaro ha aperto l'indirizzo di posta elettronica certificata, secondo quanto previsto dalla legge voluta dal Ministro Brunetta
L'indirizzo è protocollo.comunesannazzarodeburgondi@pec.it ed ha valenza a tutti gli effetti (in pratica ha la stessa funzione di una raccomandata).

8 commenti:

Marco Schena ha detto...

Per la notte bianca credo che sia riuscita bene con la soddisfazione degli organizzatori!
Per i dossi artificiali: ormai abbiamo speso tante parole per il fatto della loro efficacia con una spesa sicuramente contenuta sia per la realizzazione che per la manutenzione che è "quasi nulla".
Tra l'altro in profido è davvero molto elegante!

Marco Schena ha detto...

ops...volevo scrivere porfido.

elvio vivaldini ha detto...

Posso confermare le indiscrezioni.
In Municipio hanno capito l'utilità e ci stanno pensando.
Non sarebbe una vittoria del Blog.
Sarebbe un trionfo del buon senso.

Marco Schena ha detto...

Elvio.....ehm....vorrei segnalare l'erbaccia anche nelle rotonde in ingresso al paese....non è che magari...il buon cuor di qualche sponsor....se non lo fa il comune....

ev ha detto...

Delle retondo il Blog ne aveva già parlato un anno e mezzo fa, pubblicando il bando per sponsorizzare.
Dopo la pausa estiva torniamo alla carica...

Anonimo ha detto...

Vorrei segnalare solo che le rotonde all'ingresso del paese sono di competenza della Provincia. Il Comune puà solo fare da tramite tra l'ente e privati interessati alla cura delle stesse rotonde aderendo al bando pubblicato sul sito della Provincia.

Pietro ha detto...

che le rotonde sono delle Province si sapeva già....ma se non erro lo stesso Poma aveva detto che mancavano i fondi per la loro manutenzione.
E poi...scusate....a Vigevano sono date a provati con tanto di pubblicità, San Martino Siccomario idem, Voghera pure....Sannazzaro con tutta la realtà che ci gira intorno...possibile che non riesca a "donarla" a qualche privato?
ENIIIIIIIII dove sei???? Se ci sei batti un colpo!

Marco Schena ha detto...

confermo, se ne era parlato nel blog:

http://cambiasannazzaro.blogspot.com/2009/01/la-vergogna-delle-rotatorie-ecco-la.html