13 febbraio 2009

Il Blog scrive al Capo della Polizia Locale

Buongiorno a tutti.
Oggi parliamo di ordine pubblico e di rispetto delle regole.

Ho scritto questa mail al Capo della Polizia Locale, Anna Lisa Ponti.

"Gentile Comandante,
mi chiamo Elvio Vivaldini e sono un cittadino residente a Sannazzaro.
Le scrivo per testimoniarLe il malcontento rispetto all'andamento dell'ordine pubblico nel nostro paese, in particolare per il moltiplicarsi delle violazioni al codice della strada. Del resto, anche sul Blog gestito dal sottoscritto (e sul quale pubblicherò questa nota), alcuni cittadini hanno rilevato il problema in questione, che così sintetizzo: troppe infrazioni palesi al codice della strada e la sensazione che ci sia poca severità da chi dovrebbe invece intervenire con le opportune sanzioni.
Le dirò con franchezza, che si è sperato in una decisa inversione di rotta rispetto alla situazione pre-esistente al suo arrivo a Sannazzaro.
In effetti qualche miglioramento si è verificato , soprattutto all'inizio del suo operato,
ad esempio sul numero delle auto in divieto di sosta rimosse e multate.
Successivamente, invece, la sensazione è che ci sia stato un ritorno alla "nornalità" e che la situazione necessiterebbe di cure più incisive e di maggiore severità da parte della Polizia Locale.
Da tempo in paese si dice che, talvolta, i vigili sembrano "timorosi" nel comminare le contravvenzione, soprattutto alle automobili targate "sud Italia".
Non so se anche Lei ha potuto appurare questa sensazione: certo che se così fosse, sarebbe molto grave.
Via Cavour, la zona di via Traversi, via Mazzini e un pò in tutto il Centro.
E ultimamente anche via Bigli, dove molti parcheggiano abusivamente a pochi metri dal grande parcheggio pubblico.
Sono queste le zone e le vie dove si assiste con maggiore frequenza alle infrazioni alla sosta.
Persino davanti al Municipio, non è raro assistere a fenomeni di parcheggio selvaggio.
E poi c'è l'odioso fenomeno dell'occupazione illegittima dei posti auto riservati ai diversamente abili, in particolare in Piazza Mercato davanti al Supermercato GS.
Converrà che, soprattutto in questi ultimi casi, la repressione non dovrebbe conoscere nè tregua nè incertezza.
Alcuni cittadini segnalano poi il fatto che i mezzi pesanti occupano le aree di sosta riservate alle automobili (ad esempio il nuovo parcheggio dello stadio, tra l'altro non ancora completamente aperto all'utenza).
Certi fenomeni andrebbero stroncati da subito con la massima severità.
In alcune realtà si ricorre alla rimozione massiccia o, ancora meglio, all'applicazione di ceppi blocca-ruote, una soluzione quest'ultima meno costosa per il Comune e sicuramente molto efficace.
Altra infrazione evidenziata da parecchie persone, è l'elevata velocità che caratterizza l'ingresso in paese di alcuni mezzi, anche in via Voghera dove si rileva anche un elevato traffico di mezzi pesanti, i quali a causa del ponte interrotto sul Riazzolo non dovrebbero transitare, come da
divieto.
Sono certo che una maggiore persecuzione delle infrazioni al codice della strada possa delineare positivamente il servizio che le guida, il livello civico di una comunità ed in ultima analisi la qualità della vita di Sannazzaro.
Del resto, una auspicata sterzata nel verso di un maggiore rispetto delle regole, troverebbe la grande parte dei cittadini favorevoli.
Gradirei un suo cortese riscontro sull'argomento che, fatto salvo una sua diversa indicazione sarà, pubblicato sul Blog "Cambia Sannazzaro".
La ringrazio e la saluto cordialmente.
Elvio Vivaldini
(Sannazzaro)"

Sulla risposta del reponsabile della Polizia Locale vi terrò informati.



Poliambulatorio, partenza positiva
L'apertura del nuovo poliambulatorio, allocato al primo piano dell'ex-municipio è un fatto positivo.
Questa iniziativa, voluta dall'Amministrazione Comunale di concerto con i quattro medici di base, insieme al già esistente presidio della Guardia medica e di alcuni servizi ASL, ha dato nuova vita al plesso di Piazza Palestro.
Qualcuno dice che i costi sostenuti per la ristrutturazione sono stati ingenti (mi sembra 700.000 euro).
Io credo che dopo il trasferimento degli uffici comunale a Palazzo Pollone, sarebbe stato vero peccato lasciare un palazzo così inutilizzato e nel pieno centro del paese.
Bene ha fatto il Comune a recuperare il plesso.

Ogni sannazzarese sa che per tutto ciò che riguarda la sanità e la cura alla persona ha un unico punto di riferimento e questo credo sia una semplificazione.
Unica informazione che ancora manca è il costo della gestione?
Cioè, chi paga le spese di riscaldamento, acqua e energia elettrica per il funzionamento dei vari servizi ?

In ogni caso ho notato anche, con piacere, che il fatto di aver collocato li i medici, ha favorito anche il parziale ripopolamento della piazza antistante che, causa la chiusura dell'albergo Italia risultava troppo spesso deserta.
La stessa piazza è adesso oggetto di lavori di riqualificazione.
Certo la frequentazione della zona nelle ore serali è ancora scarsa, ma qui c'è da contare molto sulle prospettive create con il rifacimento del centro, di via Cairoli in primis, che, con l'aiuto decisivo dei commercianti e di tutti noi, può tornare ad essere frequentato nelle ore serali, ovviamente soprattutto nella bella stagione.
La chiusura al traffico serale di via Cairoli, sono certo che migliorerebbe la qualità della vita del centro.

Stima
Continua il sondaggio sulla stima che i sannazzaresi hanno del loro paese e di loro stessi.
Sono convinto che questa tipologia di rilevazione possa esseru utile a tutti noi per capire meglio la realtà in cui viviamo.
Qui è possibile partecipare al semplice questionario




Crisi e prostitute
La crisi morde e anche le signorine della notte se ne stanno accorgendo.
In paese si dice che qualche prostituta stia pensando di cambiare aria in quanto la clientela è in calo. Si svuoteranno alcuni locali in via Traversi e si libererà dello spazio pubblico nella zona del Dream House? Sarebbe la prima volta che la cessazione di un'attività produttiva sarebbe salutata positivamente.
Non tutte le crisi vengono per nuocere

Pietro Signorelli e la sua nuova rubrica
Il Blog si allarga, la gente ne parla. Sono contento che l'amico Pietro Signorelli ha accettato il mio invito di contribuire al Blog.
La sua "Opinione di Signorelli", si aggiunge alle altre rubriche, quella di Airoldi e la prossima del Nino Ferraretti.
Senza accorgersi il Blog, pur restando tale ovvero un diario per commentare i fatti sannazzaresi e facilitare la possibilità ai cittadini di dire sempre la loro, sta diventando un canale informativo complementare alla tradizionale stampa locale.
Buon lavoro anche a Pietro.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

ma ieri (sabato mattina) dov'erano i vigili invece che dare multe alle solite macchine parcheggiate nella curva (incrocio con via Cairoli, via Roma e via Bigli) che sapevano che verso le 12,00 sarebbe arrivato il pullman che ritornava da Alassio e ha fatto fatica a curvare!
Ma quella scema della smart non puo' fare 30 metri e parcheggiare nel parcheggio? O ha paura che le sue gambe si spezzino??

Anonimo ha detto...

..... e non vogliamo parlare anche dei furti e furtarelli in case private che da un mesetto e piu' fanno del nostro Paese una sorta di supermercato tale per cui al sabato ignoti vengono a "fare spesa" e se ne vanno indisturbati??????.........

Paola ha detto...

Vista l'aria grama che tira.... a chi ci si può rivolgere per avere un corso di difesa personale per le donne?
Può il comune adoprarsi in questo?
Diversamente a chi ci si può rivolgere?

Anonimo ha detto...

Concordo pienamente con Paola. Siamo arrivate al punto di guardare co sospetto chiunque passi nella nostra stessa strada, specialmente nelle ore serali.
Qualche dritta sulla difesa personale non sarebbe male, magari aggiunta allo spray al peperoncino da tenre sempre a portata di mano.
Certo che è una vera tristezza, vivere in questo modo!

mara perego ha detto...

Scusate, sono io che ho ripreso il commento di Paola, ma ho sbagliato nell'inserire il nome ed è uscito anonimo anche se non volevo farlo.

vittorio airoldi ha detto...

Il problema vero di Sannazzaro e dell'Italia in particolare è la presenza di quelle persone, italianissime, che si fanno passare per garantisti e buonisti ma che in realtà non sono tali, che sono pronte ad attaccare chi si difende legittimamente e giustificano i delinquenti, che gridano al razzismo quando la gente e sasperata cerca di farsi giustizia da sola contro un bastardo che ha stuprato una donna, o un bambino, e purtroppo c'è anche parecchia stampa che si orienta in quella direzione. PRIMA C'è IL CITTADINO ONESTO CHE PAGA LE TASSE, POI VIENE IL RESTO, E' ORA DI FINIRLA CON LE IPOCRISIE!!!

elvio vivaldini ha detto...

Carissimi,
consentitemi ma la genesi del nostro problema è che le istituzioni hanno perduto l'autorevolezza. Non l'autorità.
Non si può pretendere la tolleranza zero e poi assistere a quanto accade quotidianamente a livello politico (vedi caso Mills) dove c'è l'impunità assoluta per chi è al potere.
Ci sono 18 arlamentari "condannati in via definitiva" pagati 15.000 euro al mese.
Attenzione: certe emergenze servono anche per coprire altre notizie come le migliaia di persone che stanno e resteranno senza lavoro, con una crisi che fa tremare i polsi a tutti e che nessuno adesso sa che impatti avrà.
Bisogna coprire le migliaia di processi che non vanno avanti perchè si continua a tagliare i fondi a tutto.
Della polizia che non ha fondi per riempire i serbatoi di benzina.
Tolleranza zero va benissimo e il problema degli stupri e della micro criminalità è quello che la gente sente di più.
Ma è improponibile da chi/coloro che solo 3 anni fa votarono lo schifo dell'indulto, da chi/coloro che modificano le leggi per salvarsi il posteriore e continuano a difendere i loro assurdi privilegi "distogliendo" l'attenzione dell'opinione pubblica.
Il "chi-sbaglia-paga" che mi trova da sempre favorevolissimo (sono molto protestante da questo punto di vista) deve valere per tutti!!!
Invece di mettere 3.000 soldati nelle città, ottimizzassero le forze di polizie (unificandole magari...).
Ha detto giusto Pier Camillo Davigo, ex pool-mani pulite e membro della Corte di Cassazione.
In Italia si punta alla rassicurazione e poco alla sicurezza.

un sannazzarese indignato ha detto...

vorrei ricordare solo che la scorsa notte i ladri hanno colpito ancora in piena notte...in pieno centro paese!!
Bene bene,,,,,che bel mondo!

(ndr Provincia Pavese del 21/2/2009)