11 gennaio 2009

I dati anagrafici su Sannazzaro

Buona giornata a tutti.

Com'è l'andamento dei residenti a Sannazzaro e nei paesi limitrofi?

E' vero che, come dice qualcuno, i cosidetti sannazzaresi "doc" (io non sono uno di questi....) scappano per andare ad abitare nei paesi limitrofi?
Come già ho avuto modo di scrivere in diversi post, capisco chi, per questioni di lavoro o di studio, sceglie di trasferisi nei grandi centri urbani mentre capisco molto meno chi fa 500 metri o poco più per andare ad abitare a Scaldasole o Ferrera (chissà se qualcuno poi l'ha veramente fatto).
Almeno che non l'abbia fatto per questioni personali, per carità.
Parlavo con un conoscente (trasferito per motivi familiari in un paese vicino a Sannazzaro), che mi dice "sono andato ad abitare in periferia di Sannazzaro.
E' vero. Il futuro Sannazzaro ha molte più chance che non i paesini intorno che dovranno sempre più fare riferimento al nostro paese, al centro di quella che è di fatto l'area sannazzarese.
Anche perchè in epoca di vacche molto magre, oltre alle province, sono a rischio tutti i piccoli comuni sotto i 5000 abitanti.
Detto questo, e qui mi incazzo moltissimo, me la prendo con "tutti" (nessuno escluso) coloro che hanno sinora governato a Sannazzaro.
L'attetggiamento miope di vedere sempre-e-solo ENI ha impedito di allargare la base produttiva e di sviluppare veramente il paese.
Siamo ancora
una company town, il paese "della" raffineria ed invece dovremo diventare il paese "con la " raffineria.
Ecco questo è un punto, anzi il primo punto importante per cui stare attenti alle prossime elezioni comunali.
Ne va del nostro futuro.

E adesso veniamo ai dati oggettivi.
Vediamo cosa ci raccontano le statistiche, quelle fornite dall'Istituto di Statistiche (ISTAT).
Ho preso in esame i movimenti migratori in ingresso ed in uscita da Sannazzaro e in altri centri della Lomellina nel periodo 2002-2007.
Non solo, ma ho estrapolato anche le informazioni relative ai movimenti da e verso i paese stranieri, per evidenziare anche il fenomeno dell'immigrazione.
Sei anni sono un arco di tempo sufficiente per poter verificare il fenomeno che riguarda i residenti.

Se dovessi sintetizzare direi che c'è una buona ed una cattiva notizia.
La buona notizia è che Sannazzaro non ha nessuna emorragia di abitanti, la gente non scappa.
La cattiva notizia è che Sannazzaro, contrariamente a qualche altro centro
della zona non cresce.
Dal 2002 al 2007, Sannazzaro ha un saldo negativo di appena 29 abitanti (media di 6 abitanti l'anno) tra chi si è trasferito in altri comuni e chi è venuto ad abitare in paese.
In compenso il saldo da/verso i paesi stranieri è positivo per 283 unità.
In pratica il paese in 6 anni è aumentato di 254 persone, tutto merito dell'immigrazione dall'estero.
Prendiamo Ferrera, Scaldasole, che qualcuno indica come mete di destinazione dei "fuggitivi" sannazzaresi.
Ferrera dal 2002 al 2007 ha avuto un saldo positivo di 20 persone tra chi si è trasferito in altri comuni e chi è venuto ad abitare in paese (4 persone l'anno).
In aggiunta il saldo da/verso i paesi stranieri è positivo per 54 unità.
In pratica il paese in 6 anni è aumentato di 74 persone, di cui per 3/4 merito dell'immigrazione dall'estero.
Scaldasole dal 2002 al 2007 ha avuto un saldo positivo di 69 persone tra chi si è trasferito in altri comuni e chi è venuto ad abitare in paese.
In aggiunta il saldo da/verso i paesi stranieri è positivo per 24 unità.
In pratica il paese in 6 anni è aumentato di 93 persone, di cui solo per
1/4 merito dell'immigrazione dall'estero.
Completamente diverso è il caso di Garlasco, dove c'èstato un vero e proprio boom dei residenti, aumentati in 6 anni di 1053 abitanti, di cui il 60% da comuni nazionali e il 40% derivante dal saldo con i movimenti dei paesi stranieri.
Cosa se ne ricava da questa fotografia?
1) Che da Sannazzaro non si scappa
2) Che Ferrera cresce, anche se negli ultimi 3 anni ha perso 14 abitanti, invertendo il trend precedente. Cresce invece Scaldasole che ha effettivamente un mini-boom di 69 persone + 24 stranieri.
Detto ciò, occorre che si adottino le misure per incrementare anche da noi i residenti, facendo evolvere il paese, allontanandolo dal concetto di company-town favorendo l'avvio di nuove attività produttive.

P.S.
Un amico e lettore del Blog segnala che in Comune è possibile visionare i 6 documenti riferiti alla richiesta di autorizzazione ai nuovi impianti ENI (EST), qualche migliaio di mq di infrastruttura che aumenteranno di fatto del 25% le emissioni in atmosfera. Chi volesse può prenderne visione fino al 23 gennaio.



Avevvo scritto nell'incipit del post del 7 gennaio lamentando il disservizio della pulizia delle strade.
Avevo scritto che di buon ora (6,20 di mattina), i trattori-spazza neve erano già al lavoro per ripulire la via in cui abito (che non è in centro), ma poi per 10 ore (poi diventate 14...) di incessante nevicata i trattori sono usciti di scena.
Avevo inviato una mail al Servizio Territorio Ambiente (Resp.Arch Ramella)
del Comune lamentando la situazione e suggerendo anche un maggiore impiego di sale.
Il Servizio mi ha risposto quasi subito, via mail, dicendo che in serata sarebbero senza dubbio ripassati, che il pomeriggio i trattori erano stati impegnati ad accumulare la neve raccolta nelle vie e che il sale era esaurito causa prelievo massiccio presso i rivenditori locali della società che gestisce la rete autostradale.
In effetti alle 22.00 lo spazzaneve è tornato nella via, ripulendo la strada.
Non solo.
La mattina dopo, lo stesso Servizio, si è premurato di segnalarmi, via mail, che la mia via era stata nuovamente ripulita
(non senza difficoltà causa le macchine in sosta.)
Il Blog fa i nomi delle persone.
Lo fa quando le cose non vanno, quando c'è da criticare, ma lo fa anche quando c'è da riconoscerne l'interessamento.
Spero che al Geom. Forbiti del Servizio di cui sopra, il fatto di essere citato e ringraziato pubblicamente non dispiaccia.
Forbiti ha capito che un cittadino aveva segnalato una situazione anomala e si è attivato per fornire il riscontro.
Devo dire che anche in altre circostanze il Geom. mi ha sempre dato riscontro delle mie segnalazioni a cui hanno poi fatto seguito anche i necessari interventi. Segnalazioni da me avanzate sempre contestualizzando il problema e mai scadendo nella semplice ed inutile polemica.
A mio avviso esistono dei buchi organizzativi nella macchina comunale a cui molti dipendenti cercano di far fronte come possono. Anche tramite la comunicazione che è alla base di un corretto rapporto tra amministratori ed amministrati.
Ecco perchè Vi invito ad una maggiore interazione (anche banalmente via mail) con i servizi erogati dal comune che sono certo possa servire in definitiva a migliorare complessivamente la macchina comunale, pagata ricordiamocelo sempre con i nostri soldi. Segnalate i problemi ed i disservizi. E' chiaro che occorre farlo sempre con la correttezza e l'educazione del caso.
Quindi giusto riconoscere i meriti, giusto protestare, ma soprattutto doveroso da perte di ogni cittadino segnalare le situazioni critiche al Comune.
La libertà è partecipazione.

Ne aprofitto per ricordare che chiunque vuole può invare le proprie foto al Blog. Saranno pubblicate anche nella sezione "The Sannazzaro Pictures Show" oppure se riferite alla nevicata, nello "Speciale Neve 2009".

Vi saluto, alla prossima e continuiamo a diffondere il Blog.

Nessun commento: