23 aprile 2010

154 - Proposte per la Consulta Ambientale. Seconda parte - La gestione dei rifiuti



Buona settimana a tutti.
Oggi il Blog avanza nuove proposte per l'ambiente che spero la Consulta Ambientale possa elaborare : la gestione di rifiuti urbani.
E' la seconda e ultima parte delle proposte (la prima fu sulla gestione dell'acqua potabile).
I cittadini hanno il dovere di interessarsi della cosa pubblica.
Spero di avere almeno alcuni riscontri su tali proposte.
Prima però rilancio un mistero : i divieti di sosta in via Mongini (già inseriti nella sezione Salviamo il patrimonio comunale) con lo scarrabile installato che non si sa a cosa serva.
Cioè la gente non sa a cosa serve.
Non dubito che sia stato messo li con uno scopo.
Ma qual'è ?

E veniamo ai rifiutiAnzitutto diciamo ciò che è stato fatto.
Nel gennaio del 2009 è finalmente partita la raccolta porta-a-porta nelle vie del centro cittadino.
E' stata una bella iniziativa che ha segnato un salto di qualità e mi si consenta un contributo al senso civico.
Per cercare di limitare l'impatto dei rifiuti sull'ambiente occorrerebbe:
a) produrne di meno
b) riciclarne il più possibile
c) e (ma solo per la parte residuale) mettere i restanti negli inceneritori
, che quindi possono essere costruiti ma solo dopo aver fatto di tutto per arrivare al massimo del riciclo.
Ci sono zone in Lombardia dove la differenziata supera il 50%.
In provincia di Pavia (come spesso accade) siamo in coda e nella zona servita dal Clir la percentuale a fatica supera iul 30% (la legge impone il 35%).
A Sannazzaro la percentuale è intorno al 25% e speriamo che con i dati relativi alla raccolta porta a porta questa possa migliorare sensibilmente.
Tra i vantaggi del porta-a-porta c'è, ad esempio, l'eliminazione dei cassonetti, elemento non certo di pregio nell'arredo urbano.

Comunque, come per l'aqcua, mi permetto di indicare alcune proposte per la Consulta presediuta dall'amico Montanari.

1) Molti non sanno che il Comune svolge servizio a domicilio per il ritiro dei rifiuti ingombranti (elettrodomestici e altro...
Ecco la
spiegazione del funzionamento sul sito del Comune
Promuoviamo la cosa, diffondiamo l'informazione e avremo, tra l'altro, meno imbecilli che lasciano nelle campagne poltrone, tv etc.
Il costo è di appena 20 euro, ma purtroppo pochi sanno che esiste il servizio.

2) Dove gettare cosa
Nel 1995 (ero a Sannazzaro da pochi mesi), rimasi colpito dal fatto che in ogni casa il Comune aveva inviato una mappa con i posti, i cassonetti etc, dove mettere le diverse tipologie di ri fiuti.
Allora il Sindaco era Testa.
Riproduciamo una mappa aggiornata, ma soprattutto facciamo una semplice tabella "dove buttare cosa", cioè i luoghi e la tipologia di cassonetti destinata ad ospitare i vari rifiuti.
Proprio su questo Blog un anno fa circa, si parlò del fatto che, ad esempio, non si sapeva dove gettare i contenitori vecchi della pittura.
Ecco : informiamo i cittadini su dove gettare le diverse tipologie di rifiuti.

3) Punire chi insozza e chi non rispetta le diverse tipologie di cassonetti.E punire anche chi non paga la tassa sui rifiuti, in quanto (attenzione...) chi evade grava sulle spalle di chi invece paga regolarmente.

4) Estendere il porta-a-porta.
Signorelli, il Vice Sindaco, ha scritto proprio su questo Blog il perchè i costi a carico dei cittadini non diminuiscono all'aumentare della raccolta differenziata.
Ma in ogni caso è un discorso di civiltà e di rispetto per il territorio.
Il porta-a-porta va esteso a tutto il paese.
Ecco come funziona.

Anche qui, la filosofia del Blog è sempre questa : partiamo dalle cose che funzioano.
Una raccolta differenziata che va estesa (come già detto) e una efficiente piazzola ecologica (sono solo 10 i comuni nell'intera provincia che ne disponogno una).

Infine una considerazione politica.Nei comuni dove governa la Lega la raccolta differenziata è generalmente molto efficiente.
I leghisti sono molto legati al proprio territorio.
Giusto.
Anche una corretta gestione dei rifiuti, preserva l'ambiente e quindi il proprio territorio.
A Fuggini & co l'invito a fare di tutto per seguire i comuni leghisti più virtuosi.

Cartello di fine centro abitato sistemato.Il cartello semi-divelto di via Roma è stato sistemato (eliminato dall'elenco a destra).


Asfalti devastanti.Neve, gelo e acqua.
Uno degli inverni più piovosi degli ultimi decenni ha peggiorato una situazione già critica di per sè.
Ed è davvero curioso una contraddizione che, in centro, accanto ai nuovi tratti di porfido che abbelliscono le strade, ci siano tratti degni del Camel Trophy(tipo via Mazzini).
La situazione comunque riguarda diverse vie, in perferia e in centro.
E, a titolo di esempio, cito che la mia via (Toscanini) l'ultima volta che ha visto gli addetti alla manutenzione delle strade fu 16 anni fa!.
Ma la via Loreto è critica anch'essa, così come via Voghera, via Mongini, etc.
Sono fiducioso che il Comune intervenga, almeno nei punti più critici, rifacendo magari anche la segnaletica orizzontale.


Previsione incarichi esterni 2010.
Gli incarichi esterni rappresentano l'esternalizzazione si alcune attività da parte del Comune.
Si ricorre al'incarico esterno per svariate motivazioni.
E' normale il ricorso all'esterno, per poter sfruttare competenze, esperienze di mercato o anche solo per poter sopperire a indisponibilità di tempo da parte del personale.
La pratica è frequentissima nelle aziende private, per gli stessi motivi.
Un paio di anni fa il Ministro allo Sviluppio economico Brunetta lanciò la crociata per la diffusione dei dati relativi agli incarichi esterni nelle amministrazioni pubbliche.
Da allora ogni ente è tenuto alla pubblicazione di tali costi per poter permettere ai cittadini la verifica su come vengono spesi i soldi pubblici.
Una conquista di civiltà.
Peraltro, ricordo, il nostro è un Comune che sin dall'inizio ha ottemperato alla norma, mentre secondo uno studio pubblicato pochi mesi fa la maggior parte dei comuni della provincia di Pavia è inadempiente.
Tutti gli incarichi esterni, dal 2008, sono pubblicati e aggiornati sul sito comunale.
Lasciatemi pertanto stavolta elogiare le amministrazioni e i dipendenti comunali che ci permettono di essere compliance alla legge.
Dovrebbe essere la regola ma, come Vi dicevo, così non sembra.

Per l'anno corrente l'Amminstrazione pensa di spendere 106.000 euro, quasi interamente destinati al servizio territorio e ambiente.
Per la cronaca, nell'anno 2008 sono stati spesi oltre 400.000 euro, mentre per l'anno 2009 oltre 130.000 più altri la cui competenza è però pluriennale.

Pillole di Consiglio Comunale.Riporto alcune frasi estrapolate dalle diverse dichiarazioni del Consiglio Comunale del 23 febbraio, nella cui seduta è stato approvato il Bilancio e il piano delle opere triennali 2010-2012, del quale il Blog aveva già riportato settimane fa alcuni estratti.

Di fatto è stata l'occasione per fare un primo bilancio della'operato della nuova Amministarzione. Con opinioni ... molto differenti.

Signorelli, Vice SindacoLa nostra Amministrazione, a seconda delle idee di chi viene interpellato, e' per 5 minuti un'accozzaglia di incapaci oppure un gruppo di virtuosi per i successivi 5 minuti.
Ma mai, neppure per un secondo, quello che dovrebbe essere: una coalizione chiamata a rendere conto delle promesse eventualmente non mantenute; considerato che il rendiconto delle promesse, mantenute o no, si fa in base al programma elettorale presentato ai Cittadini;

La condizione di partenza e' il bilancio di previsione 2009, con cui ci siamo trovati a fare i conti nella seconda metà dell'anno appena trascorso, essendo i numeri delle "coperture di spesa" in parte sovrastimati: 150.000 euro di accertamenti Tarsu di cui accertati zero, e poi euro 280.000 di oneri di urbanizzazione di cui accertati 100.000, oltre a 150.000 euro di sanzioni per violazioni al Codice della strada che hanno costretto i nostri Vigili a fare gli straordinari nella seconda metà dell'anno, in quanto al 9 giugno 2009 erano stati accertati solo € 5.300.

Per le attività culturali e sportive,vi darò i conti sempre al 9 giugno 2009, data del nostro arrivo in Comune: nel capitolo del gemellaggio rimanevano ancora 20 euro dei 9000 stanziati a inizio anno, dei 53000 euro stanziati
per le attività culturali, ne rimanevano ancora 4800, e potrei continuare.
Fuggini (Consigliere di maggioranza e Assessore alla sicurezza)
... sono infatti giunto alla conclusione che difficilmente potremmo fare PEGGIO di loro nella gestione della “cosa pubblica”.
Indico sinteticamente alcuni punti:
- il rifacimento di Via Cairoli che, ad ogni pioggia, provoca l’allagamento del Bar Campana, senza parlare di strada ristretta e marciapiedi allargati (mai visto in alcun Comune d’Italia);
- la “sistemazione di Piazza Palestro e conseguente nuova piantumazione (i cui effetti saranno evidenti col passare del tempo);
- i ventimila euro pagati per lo studio di fattibilità della piscina (il pagamento di altri ventimila euro è stato da noi bloccato);
- i quindicimila euro pagati per la predisposizione del P.E.C., peraltro non conclusa: noi spendiamo quattromila euro per la revisione e, da una stima effettuata da professionisti, il rifacimento ex novo dello stesso non sarebbe costato più di seimilaeuro;
- la realizzazione del sottopassaggio tra Via del Lucino e Via Gorana, per il superamento della rete ferroviaria (non è mai stato iniziato nemmeno lo studio di fattibilità);
- i proclami sulla nuova Caserma dei Carabinieri, che dal 1999 è nei loro programmi depositati presso il Comune;
- la palestra riabilitativa per gli ospiti del CDD


Maggi (Consigliere di "Aria Nuova per Sannazzaro")... durante il Consiglio Comunale del 27.11.2009, si è affermato che il Bilancio di Previsione si sarebbe fatto entro il mese di dicembre, invece citroviamo ad esaminarlo a febbraio, come avvenuto negli anni precedenti

.... le entrate tributarie previste ammontano ad € 2.475.000,00 mentre nell’anno 2008 erano pari ad € 2.306.000,00. Rileva un aumento 2008/2010 del 7%.
Per tale motivo ritiene che i cittadini sannazzaresi non possano ritenersi soddisfatti.

Cita inoltre un incremento del 17% relativamente alla TARSU rispetto al 2008.
Devo purtroppo riconoscere a malincuore che, sino ad oggi, dopo quasi nove mesi da quel giorno, le mie aspettative sono state alquanto deluse.
Purtroppo segnali di rinnovamento autentico non ce ne sono ancora stati.

Un’ Amministrazione come la nostra che può contare su risorse eccezionali come la gestione del servizio gas che porta un utile di circa 700.000 €/anno destinabili a spese correnti e le erogazioni ENI (circa 4 mio € negli ultimi 2 anni) destinabili ad investimenti dovrebbe essere in grado di offrire servizi e strutture di eccellenza ai propri cittadini.
Invece ci troviamo di fronte ad un bilancio timido, stiracchiato che non lascia intravedere nulla di particolarmente rilevante per Sannazzaro e che non fa emergere il paese dalla mediocrità.
Un bilancio 2010 che invece di rilanciare si limita a rattoppare.

Per il momento considererei la proiezione 2011-2012 un elenco di speranze e promesse non ancora accreditabili di sufficiente concretezza.

Fazzini (Capogruppo di "Con Fazzini Sindaco Sannazzaro cresce"Il bilancio che Giunta e maggioranza portano in Consiglio possiamo definirlo, piu’ che un importante atto di programmazione e di scelte politiche per lo sviluppo della comunità e del territorio, un atto di mera gestione, senza coraggio e soprattutto rinunciatario, comeabbiamo avuto modo di dire alla conferenza dei capigruppo.

Sull’ambiente, sul territorio, sul sociale, quali scelte importanti all’inizio del mandato; dov’è l’invocato cambiamento?
... perché non provare, proprio nel primo bilancio di mandato ad esprimere comunque qualche scelta strategica a livello di investimenti?

Qualche scelta che ci faccia capire dove andrà a parare la gestione di questa giunta!
La relazione programmatica allegata ai numeri di bilancio non fa altro che alimentare questa domanda.
Nulla pure sulle previsioni urbanistiche.

Dove è finito il tanto declamato TELERISCALDAMENTO..Tutti quanti dovremmo aver preso coscienza che non possiamo continuare ad essere legati solo alle fortune del grande complesso industriale ed allora la precedente amministrazione aveva previsto, anche con il ricorso a bandi regionali, l’avvio di urbanizzazioni nelle aree destinate alle attività produttive per favorire e facilitare l’insediamento di piccole e medie imprese, alcune delle quali magari legate al cosiddettoindotto di raffineria.
Questa bella iniziativa è sparita.
Sparita nel 2010 qualsiasi previsione di spesa a favore degli impianti sportivi, dove dopo il rapido intervento sulla tribuna del campo sportivo, nulla si prevede per l’intero complesso comunale; ad esempio si possono consolidare sinergie con privati, già impegnatisi per larealizzazione di nuovi campi di calcetto.

Bene per contro l’intervento di project-financing sulla Caserma carabinieri già impostato dalla precedente amministrazione, anche se dobbiamo ancora meglio comprendere la reale portata dell’intervento.

Quali sono dunque le scelte dell’amministrazione sulla sicurezza dei cittadini, sull’integrazione, sui controlli, sui flussi residenziali.

Oltre a rilasciare interviste sui giornali, è in questa aula che se ne deve parlare.rinviata la riduzione IRPEF tanto sbandierata incampagna elettorale, una bufala dunque. Si dice faremo il px anno, la verità è che prima dipromettere bisogna conoscere la reale situazione economica e comunque nel merito diciamosubito che, se mai giorno verrà, siamo favorevoli alle riduzioni per fasce.

Nessun impegno specifico a favore dell’innovazione tecnologica, in particolare sul fronteinformatico, dove nei prossimi mesi ripartiranno progetti a livello nazionale sulla cosiddettae-governance, attenzione a non perdere questi appuntamenti ormai strategici in particolareverso la comunicazione con i cittadini

Organizzazione degli uffici e sistema premiante; sappiamo che ci state lavorando, è un temaimportante sul quale ci aspettiamo di conoscere obiettivi e decisioni conseguenti soprattuttosul delicato fronte della distinzione di competenze tra amministratori e dipendenti




20 anni della Cooperativa Marta.E' una delle cooperative più efficienti della provincia ed è un vero fiore all'occhiello per Sannazzaro e per il suo territorio.
La Cooperativa Marta, che ha festeggiato nei giorni scorsi i 20 anni dalla sua fondazione, ha saputo in tutto questo tempo dare servizi al territorio con un attenzione particolare all'aspetto sociale, offrendo opportunità occupazione anche alle persone svantaggiate.
Non solo.
E' riuscita progressivamente ad estendere il suo raggio d'azione presso altri centri della provincia
Lavoro, servizi e solidarietà.
Davvero una bella realtà, un' eccellenza di cui i sannazzaresi devono sentirsi fieri.

Il Giornale parla di Sannazzaro
E l’evento che in questo fine-settimana mette il capoluogo sotto i riflettori si intitola proprio «Eccellenze a Pavia», da oggi a domenica al palazzo Esposizioni, oggi dalle 18 alle 23, domani e dopo dalle 10 alle 23, info al numero 0382.393237, sito www.pv.camcom.it, ingresso 5 .
Si tratta di due eventi che si sviluppano paralleli perché la promozione e la degustazione delle migliori produzione enogastronomiche del Pavese andrà a braccetto con l’esposizione di auto storiche e la 16ª edizione del «Giro della Provincia», le cui radici affondano in rally del secolo scorso ben raccontati nel sito scuderiapaviacorse.it.
E lo chef Enrico Bartolini, patron delle Robonie in località Ca’ d’Agosto a Montescano, telefono 0385.241529, ma anche del Bistrot Bartolini a Pavia, 0382.538449, andrà oltre l’esposizione di golosità e curerà il menù del ristorante interno alla rassegna, tre giorni, sei momenti diversi: oggi alle 19.30, domani a pranzo dalle 12.30 quindi «pane e salame» alle 18.30 e cena alle 20; domenica pranzo e poi cena (ma alle 19.30); prezzo fisso 25 vino esclus0o, info e prenotazioni al numero 0382.538449.
Alle leccornie di Bartolini è dedicato un altro servizio in questa stessa pagina, ora un po’ di attenzione alle auto storiche e alla tradizione del restauro specializzato, lavori qualificati che, ad esempio, vedono i bolidi di Formula Uno, i modelli ormai consegnati alla storia che trovano la loro casa presso l'officina di Mauro Pane a Sannazzaro de' Burgondi, mentre le auto stradali di alta nobiltà sono recuperate e restituite al loro antico splendore nell'officina di Robecco Pavese grazie alla sapienza di Sandro Bergami.
Alla mostra si possono ammirare auto leggendarie, come le mitiche Bugatti o le Formula Uno degli anni '70 con la Tyrrell a 6 ruote (due dietro grandi e quattro piccole davanti) e la Ferrari "spazzaneve", modello all'epoca rivoluzionario, progettato dall'ingegner Forghieri nel 1972, antesignana della futura monoposto, capolavoro che consentì a Niki Lauda di conquistare il titolo mondiale.
E mentre a Pavia si guarderà, degusterà e sognerà, tutt’attorno si correrà il 16° Giro della Provincia, manifestazione di regolarità turistica e culturale per auto d'epoca, con partenza dal Palazzo Esposizioni domani pomeriggio alle 16.30.
I concorrenti affronteranno subito il circuito cittadino, mentre la domenica ecco il Giro della Lomellina (che è realtà distinta dall’Oltrepò Pavese anche se molti si confondono), 160 chilometri tra castelli, risaie e cascine con partenza e arrivo, domenica alle 15, al Palazzo Esposizioni.
Le auto, tutte da lasciare sbalorditi per la bellezza, punteranno su Vigevano, il centro principale della Lomellina, con puntate su Gambalò, Mortara, il castello di Pomello e in seguito pure quello, bellissimo, di Sartirana con pausa pranzo a Castellano dei Giorgi.
Dopo Sannazzaro dei Burgondi si prenderà la via del ritorno.
A Pieve Albignola nuova deviazione a sud verso l'argine del Po per rientrare lungo una strada "sott'argine" verso Pavia passando per Sommo e Cava Manara. Di spessore infine il convegno «L'auto d'epoca è un bene culturale?». Pare di sì.


La parola ai cittadini. Scrivi a : cambiasannazzaro@libero.it
Lampioni accesi fino a mezza mattina.Elvio ti segnalo i lampioni accesi in viale Italia alle 8 di mattina: non so quale sia il problema (crepuscolare rotto o altro).
Sono due mattine che passo di li e ho notato l´anomalia.
Ciao.
Marco

Mi dicono sia un problema che è sotto verifica.
Sembra che il Comune ha cambiato la compagnia che si occupa della gestione dell'illuminazione pubblica.



Pista ciclo pedonale Sannazzaro-Ferrera e area verde a fianco alla C.R.Sono opere importanti realizzati con i finanziamenti ENI.
Oltre alla pista ciclopedonale, il Comune piantumerà l'area attigura alla rotonda per Ferrea (sperando che possa anch'essa essere abbellita...) e realizzerà un'area verde a fianco della C.R., su un area espropriata.
L'importanza delle opere è doppia
1) con la costruzione della piscina di Ferrera sarà più facile accedervi anche in bicicletta (pensiamo ai nostri ragazzi)
2) A fianco della C.R., invece del folle inceneritore, nascerà un parco.
Direi che è la prova è che quando il pubblico (in questo caso il Comune) vuole, può.
Un plauso all'Amministrazione

Notte Bianca a Sannazzaro.
E' un idea lanciata dall'Assessore Zerbi.
Anche Sannazzaro, come in altri centri, si svolgerà nel mese di maggio una notte bianca.
Si tratta di eventi e manifestazioni all'aperto che coinvolgeranno i commercianti, i locali pubblici e alcune associazioni che permetteranno ai cittiadini di Sannazzaro, ma anche da fuori, di frequentare le vie e le piazze del paese fino a notte fonda.
Una idea che io trovo giusta e che ha come obiettivo quello di fare di Sannazzaro un polo di attrazione per l'intero territorio.

Nessun commento: