11 giugno 2011

207 - 2 giugno - Una splendida giornata

Buona settimana a tutti.
Lo scorso 2 giugno, Festa della Repubblica, Sannazzaro ha vissuto una giornata intensa di appuntamenti pubblici.
Una splendida giornata, di cui mi piace oggi darne un resoconto.

News nazionali :
oggi parliamo dei prossimi referendum di domenica e lunedì.
Domenica 12 e lunedì 13 giugno si vota per i 4 referendum.
Hanno cercato di "nascondere la notizia". Persino i TG della Rai hanno dato la notizia sbagliando la data (invece di licenziare Santoro che fa 7 milioni di spettatori/puntata dovrebbero allontanare chi dice queste castronerei
E’ molto importante recarsi al voto e tenere vivo questo importante istituto della nostra democrazia, purtroppo in passato più volte abusato.
Ecco un link semplice dove vengono indicati brevemente i referendum. vai al link informativo.
(Per inciso io voterò 4 SI, per motivi che ho già illustrato nel penultimo post).
In ogni caso SI o NO è importante recarsi al voto.


Lo so.
Qualcuno dirà: “tel chi” l’anti-berlusconiano, che prende al volo l’occasione per parlare male ancora del capo.
Altri diranno “che cosa vuoi che ne sappiano gli inglesi, che si guardino a casa loro che hanno anche loro i problemi”.
In tutti i casi ho pensato di tradurre il magazine Economist (il più prestigioso d’oltre manica e uno dei più noti e letti al mondo) che ha messo in copertina il capo, dedicandogli/ci una decina di pagine.
Titolo di copertina è tutto un programma : “L’uomo che ha fregato un intero Paese”
Non lo commento, lo riporto pari-pari... Eccolo

Silvio Berlusconi ha da sorridere a riguardo.
Nel suo 74° anno dietà ha creato un impero di Media che ne ha fato l’uomo più ricco d’Italia. Ha dominato la politica dal 1994 ed è il più longevo Primo Ministro dai tempi di Mussolini.
E’ sopravvissuto alle numerose previsioni di imminente uscita.
E ancora, nonostante il suo personale successo, è stato un disastro come leader nazionale per tre cause.
Due di esse sono ben note
La prima è stata la sensazionale saga dei suoi party “Bunga Bunga”, uno dei quali ha portato al poco edificante spettacolo di un primo ministro sotto accusa in un processo a Milano accusato di aver pagato per fare sesso con una minorenne.
Il processo Rubygate ha infangato non solo Mr Berlusconi, ma anche il suo paese.
Tuttavia nonostante sia stato vergognoso lo scandalo sessuale, il suo impatto sulle performance di Mr Berlusconi come politico è stato limitato, tanto che questo giornale lo ha largamente ignorato.
Abbiamo, tuttavia, a lungo criticato riguardo al seconda causa del suo fallimento : gli scandali finanziari
Nel corso degli anni è andato sotto accusa più di una dozzina di volte per frode, falsi contabili o corruzione.
I suoi difensori reclamano che non è mai stato condannato, ma è un falso.
Molte si sono chiuse solo per il superamento dei termini di legge dei processi (almeno due volte a causa della legge cambiata dallo stesso Mr Berlusconi).
Questo è il motive per cui questo giornale disse nell’aprile del 2001 che era inadatto a guidare l’Italia
Non vediamo raagioni per cambiare questo parere.
Ma adesso è chiaro che nè gli scandali sexy, né il suo dubbio passato in affari dovrebbero essere le principali ragioni per gli italiana per voltarsi e vedere i fallimenti di Mr Berlusconi
Il peggio è stato il terzo motivo del suo fallimento : la totale trascuratezza delle condizioni economiche del suo paese.
Forse perchè distratto dai suoi guai con la legge, ha fallito per almeno 9 anni come primo ministro nel rimediare o almeno prendere davvero consapevolezza della grave debolezza economica dell’Italia
Come risultato lascerà dietro di se un paese in gravi difficoltà.
Una malattia cronica, non acuta.
La fosca conclusione potrebbe sorprendere chi studia la crisi dell’euro.
Grazie alla stretta della politica fiscale del ministro delle finanze Giulio Tremonti, l’Italia ha sinora scampato l’ira dei mercati.
L’Irlanda, non l’Italia, rappresenta la “I” nei PIGS (ndr tradotto maiali) (con Portogallo, Grecia e Spagna).
L’Italia ha evitato una bolla interna; le sue banche non sono fallite.
L’occupazione ha tenuto : il tasso di disoccupazione è 8%, confrontato con oltre il 20% della Spagna. Il deficiti nel 2011 sarà del 4% del PIL, contro il 6% della Francia.
Però questi numeri rassicuranti sono ingannevoli.
La malattia economica dell’Italia non è acuta, ma è cronica che lentamente rode la vitalità.
Quando le economie europee scendono, l’Italia scende di più; quando crescono, essa cresce meno.
Come dimostra il nostro report speciale di questa settimana, solo Zimbaew e Haiti hanno una minore crescita del PIL dell’Italia nella decade scorsa. In effetti il PIL pro capite dell’Italia è davvero calato.
La debolezza della crescita significa che, nonostante Mr Tremonti, il debito pubblico è ancora al 120% del PIL, il terzo maggiore tra i paesi ricchi.
Quello che deve preoccupare più di tutti è il rapido invecchiamento della popolazione.
Il basso tasso di disoccupati maschera una più netta variazione.
Un quarto di giovani – la maggiore parte nel depresso sud – sono senza lavoro.
Le donne partecipano alla forza lavoro per il 46%, il più basso nell’Europa occidentale.
Un mix di bassa produttività e di alti salari hanno eroso la competitività : mentre la produttività è cresciuta di un quinto in America, e di un decimo in Inghilterra nel decennio, in Italia è scesa del 5%.
Italia è diventata 80° nella classifica del”facendo business” della World bank, dietro a Bielorussia e Mongolia, e 48° nella classifica del World Economic Forum sulla competitività, dietro a Indonesia e Barbados.
Il Governatore uscente di Bankitalia Draghi, ha recentemente fatto un discorso incisivo , prima di prendere le redini della BCE.
Ha insistito che l’economia ha disperatamente bisogno di grandi e strutturali riforme.
Ha puntato sulla stagnate produttività, e ha attaccato la politica del governo che “fallisce nel coraggio e spesso ostacola lo sviluppo”, come nei ritardi della giustizia civile, nella povertà delle università, nella debolezza della competizione nel pubblico e nel privato.
Tutto ciò stan iniziando ad affliggere la qualità della vita in Italia.
Le infrastrutture diventano precarie. I servizi pubblici sono in ritiro. L’ambiente sta soffrendo. Le entrate sono se va bene stagnanti.
I giovani italiani ambiziosi stanno lasciando il paese a frotte, lasciando il potere nelle mani di una anziana e intoccabile elite.
Pochi europei disprezzano i propri viziati politici come fanno gli italiani.
Eppur si muove (n.d.r. in italiano)
Quando questo giornale all’inizio denunciò Mr Berlusconi, alcuni italiani replicarono che solo questo birichino, imprenditore, faccia tosta offriva alcune possibilità di modernizzare l’economia.
Nessuno adesso ritratta. Invece essi lo giustificano che il fallimento non è suo; è dell’irriformabile paese.
Però il concetto che il cambiamento è impossibile, non è solo disfattista, ma è anche sbagliato.
Alla metà degli anni ’90, i governi spinti dalla disperazione di non restare fuori dall’Euro, fecero alcune decise riforme.
Anche Mr Berlusconi ha occasionalmente fatto alcune riforme : nel 2003 la legge Biagi sul mercato del lavoro rafforzò l’occupazione e molti economisti lodarono la riforma delle pensioni.
Avrebbe però dovuto fare molto di più e avrebbe dovuto usare il suo vasto potere e la popolarità per fare altro che non proteggere i suoi propri interessi.
Gli imprenditori italiani pagheranno caro per questo.
E se i successori di Mr Berlusconi saranno negligenti come lui ?
La crisi sta spingendo la Grecia, Portogallo e Spagna a emannare forti e complessive riforme fronteggiando le proteste popolari.
Nel breve termie ciò farà soffrire; nel lungo periodo darà alle economie periferiche nuovo sprint.
Alcuni stanno anche operando sul debito tramite ristrutturazione.
Una non riformata e stagnate Italia, con un debito pubblico oltre il 120% del PIL, potrebbe trovarsi lei stessa esposta come il maggiore paese arretrato sul mercato.
Il colpevole ? Mr Berlusconi che senza dubbi, sarà ancora sorridente

Le Top stories della settimana a Sannazzaro (...e dintorni)
Sabato 25 giugno si terrà la Notte Bianca a Sannazzaro.
Si stanno effettuando gli incontri preparatori.
Nella prima edizione del 2010 ci fu un autentico successo e almeno 2.000 persone, secondo le stime, affollarono i punti di ristoro predisposti dai locali pubblici e assistettero ai diversi spettacoli allestiti nei vari angoli del paese.
Doveva essere un successo e lo fu, tanto che personalmente parlai di uno spartiacque : quando il paese si mobilitava anche a Sannazzaro era possibile organizzare eventi di livello.
La prova fu il riscontro che si ebbe parlando anche con persone arrivate da altri centri.
Amministrazione comunale (l’ex Assessore Zerbi in primis), commercianti e Pro Loco riuscirono a confezionare qualcosa che sarebbe rimasto nella storia delle manifestazioni locali.
E quest’anno ?
Dobbiamo ancora fare in modo che sia un successo.
Certo, non c’è più l’effetto traino della novità, ma in compenso l’esperienza maturata nel 2010 può permettere di sanare quelle aree di miglioramento sempre presenti agli esordi.
E poi, e questo è forse il vero valore aggiunto, la Notte Bianca deve essere una manifestazione organica all’interno di un programma di rilancio del commercio locale.
Più facile dirsi che farsi, ma è comunque un’opportunità per rivitalizzare gli esercizi commerciali.
Deve essere anche questa una di quelle operazioni di maquillage necessarie ad un paese che nel tempo ha perso molto del suo appeal.
Intanto alcune anticipazioni...
Serata Speciale dedicata al mondo del Cinema
Sabato 25 Giugno 2011, in occasione della Notte Bianca a Sannazzaro de Burgondi (PV) la CGM Cinema organizza una serta speciale in omaggio al mondo del cinema ed in particolere come tributo a Bud Spencer e Trence Hill.
Durante la serata verra ricostruito un set cinematografico sotto le stelle, lungo una delle più caratteristiche vie del paese, ed attori, figuranti e comparse metteranno in scena ciò che avviene durate la realizzazione di un film.
Per l'occasione le scene saranno ispirate alla saga di Trinità, ed il pubblico presente potrà essere invitato a partecipare interpretando i ruoli comprimari.
I veri Bud & Terence purtroppo non li avremo (magari!!!!), ma abbiamo due simpatiche controfigure.
Chi volesse partecipare anche attivamente alla manifestazione ci può contattare.
Durante la serata ci sarà una esposizione dedicata a Bud e Terence e si svolgerà la mitica gara di "Birra & Salsicce", aperta tutti purchè maggiorenni.
Poi verrà riproposta la bella danza del ventre che nel 2010 riscosse tanto successo (Bar Portone).
In Piazza del Popolo alcuni plastici con modellini di auto e treni attireranno l'attenzioni della gente.
Anche Mai Dire Pizza predisporrà un servizio all'aperto.
L'Hotel Ristorante Eridano organizza nei suoi giardini una grigliata di pesce, con angolo mozzarella di bufala Dop e porchetta dalle ore 20:30. Servizio ai tavoli.
Ore 22:00 ha inizio l'esilarante spettacolo della Urlo Band, gruppo che sta riscuotendo un ottimo successo in tutta la zona della Lomellina.
Ecco in anteprima l'intero Programma

Quando l'ideologia offende....
Potremmo chiamarla per la serie "se il responsabile non è chi da fuoco ma chi chiama i pompieri...."
La maggioranza di centro-dx del comune di Pavia ha detto no alla proposta di dare la cittadinanza onoraria allo scrittore Roberto Saviano.

Saviano, il cui libro”Gomorra” uscito nel 2006 pubblicato in molte lingue nel mondo e che ha permesso a tante persone di conoscere meglio il fenomeno mostruoso della Camorra, vive da anni sotto scorta permanente.
La proposta, avanzata dal PD, serviva a restituire un’immagine un po’ più pulita dopo che nel luglio del 2010 la PM Ilda Bocassini scovò pericolose ramificazioni pavesi della mafia calabrese, arrestando anche un Direttore dell’ASL di Pavia.
Il tutto d pochi giorni di distanza dall’arresto di un pavese “doc” come il famoso “Dottor Scotti”, accusato di aver bruciato illegalmente rifiuti pericolosi nell’inceneritore della società. Un comportamento quello di Scotti molto vicino a quanto accade nel sud, dove imprenditori disposti a tutto violano spesso le leggi sulla protezione della salute e dell’ambiente.
Insomma : qualche Saviano in pù e qualche Scotti in meno a Pavia e territorio farebbe solo bene.

Il Comune in collaborazione con il Poolsar (Associazione che raggruppa tutte le Società Sportive Sannazzaresi) organizza il Centro Ricreativo Diurno Estivo, il quale attraverso una puntuale progettazione, e personale specializzato svolge, nell’ambito delle funzioni educative rivolte ai minori, attività ricreative, sportive, di tempo libero e di socializzazione per i minori che nel periodo di chiusura delle attività scolastiche permangono nel proprio luogo di residenza.
La finalità del servizio è quella di sostenere il ruolo educativo della famiglia e consentirne la conciliazione tra impegni lavorativi e impegni di accudimento dei figli in età scolare nel periodo di chiusura delle attività scolastiche; offrire ai minori un luogo protetto di educazione, di socializzazione anche al fine di prevenire situazioni di emarginazione e di disagio sociale.
Link informativo

Fazzini è uno dei possibili membri della nuova giunta provinciale.
Pur essendo noto il mio parere sull'utilità della Provincia come ente, dobbiamo augurarci che un politico del nostro territorio riesca ad essere nominato assessore.

Servizo delle Poste sotto tiro.
Da parecchio tempo gli uffici postali (ma il servizio in generale) hanno degradato il livello del loro servizio, stretti nella morsa incremento lavoro-riduzione personale.
La gente si lamenta e fa bene.
Ma forse mi verrebbe da pensare che dovrebbe lamentarsi con l’interlocutore giusto.
Ecco cosa scrivevo sul Blog il 12 nov 2010
Il succo è : se vogliamo fare il salto di qualità e vogliamo diventare (ancora ??) città, occorre iniziare a cambiare la mentalità.
Non tutto può essere ricondotto direttamente al Municipio, ma occorre iniziare ad agire con l’ente corretto.
Se i servizi dei medici non funzionano (non è vero, è solo un esempio), non vado in Comune, chiamo l’ASL.
Se i treni non funzionano, mi incazzo con Trenitalia.
Se le Poste non vanno…. Occorre prendersela con le Poste.
La petizione di protesta sottoscritta da alcuni cittadini (sembra peraltro che non esista nemmeno….) non va indirizzata in Comune, ma alle Poste.
Si può sentire l’amministrazione per conoscenza.
Come scrissi nel post di novembre, appare evidente che nei piccoli comuni i servizi erogati dal municipio sono i primi e i più vicini alla gente.
Ma in questi casi il Comune può (anzi deve) svolgere il ruolo del facilitatore, e poco più.
Perché vedete : se si va in Comune per tutto, può capitare (come è già avvenuto in passato) che qualche politico possa millantare una qualche competenza, quando invece possibilità di intervenire=zeru…. Il tutto per fini, ovviamente elettorali.

Veniamo al post sul 2 giugno.
Chi non ha partecipato agli eventi programmati per lo scorso 2 giugno, Festa della Repubblica, ha perso una bella occasione per apprezzare alcune delle eccellenze sannazzaresi.
E' stata davvero una bella giornata, una di quelle dove Sannazzaro ha messo in mostra il meglio di se.
A livello architettonico l’utilizzo del cortile di Palazzo Pollone come sede per le cerimonie istituzionali

A livello di partecipazione popolare, segno che quando si organizzano eventi di qualità la gente accorre.

A livello associativo, dove alcune delle più note associazioni hanno contribuito al programma della giornata.
A livello di amministrazione comunale, dove quella entrante ha gestito bene un bel programma costruito da quella uscente.

Iniziamo dalla mattina dove nella degna cornice del cortile di Palazzo Pollone, sede del Municipio, addobbato per l’occasione con tappeti rosso e verdi, si è svolta la cerimonia della consegna della Costituzione ai neo-maggiorenni.

In pratica si è iniettato una buona dose di cemento nella coscienza civica dei nostri ragazzi.
La cerimonia è stata accompagnata dalla presenza della Banda Iris che ha omaggiato i presenti con alcuni noti motivi e l’immancabile Inno nazionale.
Anche AVIS Sannazzaro ha voluto contribuire alla celebrazione con la rituale consegna ai neo-maggiorenni dii diplomini come potenziali donatori.

Presenti alla cerimonia anche gli Alpini e la Protezione civile.
Donato alla sxuola anche un PC portatile, acquistato con dei fondi raccolti.

Da sannazzaro.com, ecco i video della cerimonia
Nel pomeriggio la biciclettata tricolore, organizzata da Genitori Insieme e dal Comitato Balossa-Savasini, ha permesso ad una cinquantina di persone di pedalare nelle stradine di campagna e socializzare per una ventina di chilometri, assicurati dalla presenza del Gruppo Lomellino Primo Intervento (la Protezione Civile sannazzarese), con un mezzo autonomo e con validi ciclisti a supporto.
A chiudere la giornata lo splendido e tradizionale concerto del 2 giugno organizzato dalla Corale Antonio Vivaldi. Nella Chiesa Parrocchiale (sito alternativo scelto a causa dell’incertezza del tempo), la Corale e la Filarmonica europea di Gallarate hanno dato vita d un concerto di arie prevalentemente verdiane.
La premiazione e l’esibizione dei tre finalisti del Concorso Lirico Internazionale ha suggellato una serata che ha visto anche la partecipazione dei figli del Maestro Giannino Zecca, illustre sannazzarese a cui è stato intitolato il concorso.
Chiesa gremita e numerose le persone arrivate da fuori paese, che sono certo saranno tornate a casa con un’idea positiva di Sannazzaro.
Del resto queste giornate e questi eventi, come anche nel caso della prossima Notte Bianca, sono i momenti in cui Sannazzaro può (anzi deve!!) mettersi in mostra e trasmettere un messaggio di positività, che a mio avviso è pienamente giustificato.

Abbiamo risorse e persone che possono permettere di dire che l’outlook del paese è positivo.
Occorre crederci un po’ di più. Come dimostra di crederci il nuovo Sindaco Giovanni Maggi, alla sua prima importante uscita ufficiale, proprio il 2 giugno.
Ho apprezzato le parole pregne di orgoglio riferite a ciò che Sannazzaro e i sannazzaresi riescono a realizzare in queste occasioni : ossigeno puro per la comunità. Orgoglio, parola che ha richiamato alla memoria le parole che lo scomparso ex Sindaco Bolognese disse nel primo Consiglio Comunale del 2009, quando affermò che era suo intento rilanciare l'orgoglio di appartenenza alla nostra comunità.
Nelle linee guida del Sindaco e della nuova amministrazione c'e' la riscoperta e la valorizzazione delle diverse sannazzeresità a partire dal recupero della conoscenza per i personaggi celebri che hanno dato lustro al paese.

6 commenti:

Marco Schena ha detto...

Quorum raggiunto anche se avrei creduto ci fosse un pochino piu' di affluenza!

elvio ha detto...

Con la censura dei media e l'invito del capo (e di bossi) ad andare al mare è stato cmq un successo.
Merito anche di internet e dei social network.
Questa classe politica ormai è indietro alla -2.

Dario Emanuelli ha detto...

La democrazia si rispetta sempre. Mi spiace per il quesito sul nucleare, io ci credevo, oggi ancora di più nel leggere che la Svizzera ha deciso di portare da cinque a sette le sue centrali nucleari.
Una o al massimo due in Italia si potevano fare. Peccato, ma ripeto il popolo ha deciso.

elvio ha detto...

Il Popolo ha deciso, Dario giusto!
Ma aveva già deciso nel 1987.
Aveva deciso di prvatizzare 1 canale RAI.
Aveva deciso di abolire il Ministero per l'Agricoltura e quello del Turismo.
Questa classe politica indecente e NON ELETTA, MA NOMINATA (Particolare fondamentale) si è sputtanata la credibilità.
Era poi il caso di spendere 400 milioni di euro per i referendum ?
Perchè non accorparli con le eamministrtive. Dov'era la Lega che adesso sbraita per la riforma fiscale ? Quante tasse potevano essere tagliate con 400 milioni di euro? Meritiamo molto di meglio

Giuseppe Airoldi ha detto...

Be ... in qualche referendum, se non ricordo male, era passata al quorum anche la responsabilità civile dei magistrati ... dov'e' finita?

Dario Emanuelli ha detto...

I magistrati in italia sono sempre stati un argomento esclusivo. Il Presidente Berlusconi ha sbagliato in questi anni, nei toni con cui ha affrontato il problema della magistratura, peggiorandolo. Però nessuno può negarlo, la prima casta in Italia sono proprio i magistrati che possono distruggere la classe politica ma sono immuni da qualsiasi giudizio.
I quesiti referendari dalle consultazioni Politiche è giusto che siano e restino separati. I referendum hanno una particolarità che si chiama quorum, mentre nelle amministrative non c'è. La possibilità di non far raggiungere il 50%+1 è una scelta che si vanificherebbe in caso di accorpamento. Si risparmierebbe è vero, ma vanificheresti la scelta del non votare.
Ad oggi alternative a questo governo non ne vedo, solo armate brancaleoni animate solo dall'antiberlusconismo.