2 giugno 2011

206 - Allarme demografico, perdiamo abitanti

Buona settimana a tutti.
Dopo la sbornia delle ultime elezioni, della campagna elettorale e dei commenti ex-post, torniamo a occuparci di argomenti meno politici.
Oddio, posto che la politica può dare molte risposte ai problemi e può (deve !!) creare le condizioni perchè la società si trasformi positivamente, oggi il tema è la lenta emorragia di abitanti da Sannnazzaro.
Non una fuga, ma comunque preoccupante.

News nazionali.
Milano….
In questa città, nella quale sono fiero di essere nato e cresciuto (come sono onorato di abitare a Sannazzaro), sono avvenuti quasi tutti i principali eventi che hanno caratterizzato la storia d’Italia nel XX secolo.
Suggerisco la lettura di Milano XX secolo, scritto nel 2000 da Indro Montanelli.
Dalle cannonate del generale Bava Beccaris contro la gente che protestava per la fame, alla costituzione del primo Fascio del Littorio, dalla ascesa di Mussolini , alla liberazione del 25 aprile, dalla nascita delle Brigate Rosse, alla strage di Piazza Fontana, dal laboratorio politico di centro-sinistra (Aniasi e Tognoli sindaci), alla conquista del Comune di Formentini (borgomastro Leghista), all’arrivo del milanese Berlusconi sulla scena politica, allo scoppio di Tangentopoli e la fine della Milano da bere, al pool mani pulite del Tribunale meneghino.
Milano laboratorio d’Italia dove sono avvenuti molti dei fatti che direttamente o indirettamente hanno scandito la vita pubblica italiana.
Nelle elezioni dello scorso week-end Milano può aver scritto l’ennesima pagina nella storia italiana.
Dopo quasi vent’anni (dal 1993) il centro-dx non governa più a Milano.
A dire il vero, l’amministrazione Formentini era più leghista che di centro-dx, tanto che nella sua squadra trovarono posto anche assessori come Ganapini (ambientalista).
In ogni modo a Milano finisce il berlusconismo e l’alleanza di ferro Lega-Berlusconi.
Del resto con una orrenda campagna elettorale, fatta tutta sugli insulti, sui manifesti estremistici e assurdi per una città moderata come è Milano, forse non poteva finire altrimenti.
Il capo ha fatto perdere voti alla Moratti e in genere a tutti gli altri candidati sindaci.
Anche in provincia di Pavia il vento è cambiato e la sx conquista l'amministrazione dopo ben 18 anni.
Tornando a Milano : di solito non tradisce il ruolo di città che anticipa le tendenze dell’intero Paese.
Comunque la si pensi, si è chiusa un’era fin troppo lunga : quella del berlusconismo.

Duro colpo alla credibilita' del calcio. Gia' il doping ha quasi ucciso il ciclismo, adesso l'ennesimo caso di scommesse illegali e di risultati delle partite taroccati stanno riducendo al minimo l'affidabilita' dello sport piu amato in Italia. Peraltro leggevo che il caso e' stato scoperto anche grazie all'uso delle intercettazioni telefonichep, quello strumento che il capo si ostina a combattere proclamandolo nemico della riservatezza. Con la sberla presa nelle elezioni amministrative crediamo che fortunatamente anche certe idee balzane verranno forse accantonate....

Dopo la vittoria di Pisapia a Milano, il leader di Sel Niki Vendola e' balzato sul palco e ha esternato alcuni slogan cari alla estrema sinistra. Il neo sindaco gli ha fatto capire che a Milano se la sx ha vinto e' perche' è parsa moderata e comunque tutto tranne che estermista.
Pisapia ha aggiunto che invece di arringare alla folla, Vendola avrebbe fatto meglio ad ascoltare....


Commenti settimanali su Sannazzaro.
Non ho più parlato in questi ultimi post della terza Lista, Progetto Sannazzaro che ha portato in Consiglio Comunale Roberto Zucca.
Penso che il paese sia attualmente composto da due principali schieramenti.
Così hanno deciso gli elettori.
E' il nuovo bipolarismo (quello vero...), uno degli effetti del Cambiamento 2.0 e non credo ci sia spazio per un terzo soggetto politico.
Zucca spero continui ad operare per il paese visto i buoni risultati raggiunti come Presidente della Commissione per la Salvaguurdia Ambientale.
Certo ritagliarsi uno spazio attivo in paese stretto tra le due liste più grandi non sarà facile.
Se riuscirà, tanto di cappello.

Mi dicono che a volte sembro "tappare le ali" al dibattito sul Blog.
Le mie repliche a commenti e interventi, second alcuni, sono un segnale di conservazione del Blog senza aprirsi al parere della gente, soprattutto da chi non la pensa come me.
Allora. Il Blog è nato tre anni fa proprio per dare voce e possibilità a tutti di proporre temi e commentare i post inseriti,
Le idee devono circolare e possono far crescere il paese ed aprire la mentalità.
Quindi, per carità, se ho dato impressione di prevaricare o altro, chiedo scusa.
Quando ho risposto a commenti contrari alle mie posizioni, l'ho sempre assolutamente fatto riempendo le mie risposte di contenuti e di giustificazioni.
Quindi scrivete tranquillamente e commentate.
Del resto a sentire sempre e solo le mie opinioni ... sai che palle !!
Io sono pronto a cambiare idea, perchè il contraddittorio e le diverse opinioni sono come l'aria per i polmoni.
"open your mind!"

Come avevamo anticipato, l’amministrazione comunale sta lavorando per individuare i rappresentanti delle zone del paese e delle frazioni.
Verrà emanato uno specifico bando.
Quello del coinvolgimento delle persone è un passaggio fondamentale perché
a) Si evita di fare calare tutte le iniziative dall’alto
b) Si condividono le azioni e ne si condivide il successo o l’insuccesso
c) Gli abitanti diventano i “sensori” della comunità, quelli che evidenziano i problemi e le criticità della zona.
Ricordo che più volte in passato avevo scritto dell’importanza da parte del Comune di dibattere con la gente
Una delle prime iniziative avvenne nel 2008 con la presentazione in pubblico dei lavori per l’Arredo urbano e del Piano del Traffico (a proposito, che fine ha fatto ?)
E’ importante raccogliere le istanze da parte dei cittadini-contribuenti.

REFERNDUM
Ricordo che la lunga stagione delle elezioni non è ancora finita.
C’è un ultimo importante appuntamento con i referendum.
Potevamo votarli insieme al ballottaggio dello scorso week-end, risparmiano peraltro oltre 300 milioni di preziosi euro da impiegare magari nel sostegno dell’economia in crisi.
Invece il governo ha deciso di programmare una tornata ad hoc. E questo, in tutta evidenza, per non permettere il raggiungimento del quorum in particolare per il referendum che riguarda il legittimo impedimento (le norma che permette ai ministri e al capo di non partecipare alle sedute dei processi in tribunale).
I referendum si terranno domenica 12 giugno e riguarderanno la proposta di abrogare la norma che apre alla privatizzazione dell’acqua (sono 2 referendum), la proposta di abrogare la costruzione di centrali nucleari (1 referendum) e la proposta di abrogare il legittimo impedimento (1 referendum).
Il parlamento ha votato una norma che modifica la legge sulle centrali, proprio a pochissimi giorni dal voto.
Questo potrebbe spingere la Corte di Cassazione a rendere nullo il referendum sul nucleare.
Restano validi invece gli altri tre.
In ogni caso questo è un utile link con i quesiti clicca qui
Per quanto mi riguarda il 12 giugno voterò 4 SI (cioè SI all’abrogazione) perché :
- sull’acqua non si può pensare di far entrare i privati su un bene pubblico che è alla base della vita stessa delle persone
- sul nucleare non capisco l’utilità di costruire centrali nuove quando, ad es. in Germania entro il 2020 saranno tutte chiuse, non capisco dove metteremo gli scarti di uranio, non capisco qual è il piano del fabbisogno nazionale per i prossimi 30-40 anni, non capisco perché non si spingono le energie alternative e infine perché l’Italia è un paese densamente popolato e per il 70% dichiarato a rischio sismico e idrogeologico…
- sul legittimo impedimento (una delle tante leggi votate per salvare il capo…), bè è inutile nemmeno dirlo….

La Sannazzarese resta in 2a categoria.
Ha battutto nei play-off Zinasco.


Veniamo al post di oggi
Dell’andamento demogtrafico di Sannazzaro, il Blog se ne era già occupato a inizio del 2009 in questo post .
Il video che ho inserito nel post è riferito al degrado del Paese, inteso come Italia, un degrado morale e economico che spinge molti a “fuggire” all’estero.
E’ un concetto forte, che a onor del vero se mi sento di sposare in parte per l’Italia, non è applicabile per Sannazzaro (almeno per ora…).
L'Italia è obiettivamente un paese per vecchi, dove non si investe nel futuro, nella cultura, nella ricerca e dove si sfruttano, da parte dki chi le ha, le rendite di posizione.
E la politica sta a guardare...

Sannazzaro non è ancora messa così, ma occorre intervenire con una certa urgenza.

Sono stati resi noti i dati sui residenti nei comuni italiani al 31-12-2010.
A Sannazzaro risiedono 5869 persone.
A gennaio del 2009, constatavamo come non ci fosse una fuga dal paese, ma la popolazione residente non cresceva.
Adesso dobbiamo prendere atto che c’è anche un’emorragia : 5930 a fine 2009 e 5937 a fine 2009.
68 persone è i saldo negativo tra chi ha deciso di lasciare Sannazzaro e ch ha scelto di venirci a vivere.
Parliamo, ovviamente, di residenti, senza computare quindi le persone domiciliate in paese.

Non è una bella notizia.
La gente da qui non fugge, ma esiste un calo preoccupante del quale dovremmo tutti iniziare a preoccuparci.
Da sempre vado dicendo che l’evoluzione demografica con l’arrivo di gente da fuori è una colonna portante dello sviluppo mentale che Sannazzaro, come centro a vocazione cittadina, deve avere : stranieri inclusi.
Il fatto che si perdano abitanti ha quindi due impatti negativi immediati :
- non c’è sviluppo mentale e culturale, con immissione di persone nuove e quindi di apertura alle tradizionali (leggi vecchie) vedute
- le casse comunali soffrono, perché meno residenti significa meno tasse locali versate in Municpio

Del perché Sannazzaro non è meta di residenti (anzi molti pare ambiscono ad andarsene) è un fatto noto ed è riassumibile nella “questione sannazzarese” : non siamo più un paese, non siamo però nemmeno una città.
Allora lo sforzo verso la trasformazione progressiva in città è un passaggio obbligatorio.
Servizi da città, amministrazione da città, mentalità da città.
Solo allora potremmo dire : abbiamo i problemi di una città (come adesso) ma abbiamo anche i plus di una città (cosa che adesso non c’è).

Perchè vedetela soluzione ai mali del nostro paese non è il chiudersi a riccio contro i nuovi.
La soluzione è creare sviluppo e servizi e aprirsi.
Questo vuol dire essere città

La parola ai cittadini. Scrivi a : cambiasannazzaro@libero.it

I tagli del ministero mettono in forse la futura Caserma dei Carabinieri
Elvio,
sulla Caserma dei Carabinieri mi corre l'obbligo di precisare quanto segue:
in data 24/2/2011 la Prefettura di Pavia trasmise al Comune di Sannazzaro e al Comando Prov.le Carabinieri la nota del Ministero dell'Interno che faceva presente come nel 2011 ci sia stato un taglio dei fondi riservati ai Servizi tecnico logistici corrispondente al 40% in meno rispetto al 2010.
Di conseguenza chiedeva di valutare una riduzione del progetto in modo da ridurre il costo dell'affitto che lo stesso Ministero dovra' accollarsi alla fine dei primi sei anni di esercizio della Caserma, che sara' invece di competenza del Comune nella prima fase.
Aggiungo per completezza che la progettazione e' stata eseguita nel rigoroso rispetto dei criteri stabiliti dal Comando Regionale dell'Arma, in modo da avere una caserma atta ad ospitare almeno 12 militi.
L'iter,lungo e complesso,inizio' a settembre 2009, ed ovviamente a tale data nessuno poteva sapere che nel 2011 il Ministero avrebbe avuto una cosi' grande riduzione di fondi.
Il progetto e' stato voluto, come da programma, dall'amministrazione uscente e fortemente appoggiato dall'Arma e dalla Prefettura.Ridurre il progetto avrebbe poco senso in quanto verrebbero meno i presupposti per i quali ne fu caldeggiata la costruzione (maggior tutela di un territorio che comprende piu' di 10.000 abitanti con i non residenti e i cittadini dei Comuni limitrofi).
Parte dei fondi necessari per il pagamento dell'affitto per i primi sei anni sono stati inseriti nella Convenzione socio urbanistica a fronte della costruzione del nuovo impianto EST dell'ENI, e si stava trattando coi Comuni limitrofi perche' partecipassero a tali spese in ragione del numero degli abitanti.
Il prosieguo dell' iter, a questo punto, riguarda la volonta' politica di trovare una soluzione (ad es. far entrare nell'accordo col futuro costruttore che percepira' l'affitto la cessione della vecchia caserma o di altre aree, come anche una riduzione di parte del progetto che non diminuisca il numero di alloggi, ecc.).
Insomma la partita e' ancora aperta e tutta da giocare.
A disposizione per ogni chiarimento.
Pietro Signorelli

Grazie per la precisazione all’ex Vice Sindaco, che meglio di chiunque altro a Sannazzaro conosce l’iter del progetto.
Iniziano a farsi sentire i forti tagli definiti dal governo in sede di Bilancio statale.

________________________
Video bambini contro il capo
Caro Elvio, visto che nel tuo blog ti occupi anche di piccoli e grandi fatti&misfatti nazionali, volevo segnalarti questo video/canzone che circola su youtube.
Io ho sentito la canzone ascoltando la trasmissione "la Zanzara" su Radio24 e
lì si è acceso un dibattito sull'opportunità di una tale "operazione artistica".
A te giudicare se merita un commento e quale.
Video
Ciao

Andrea Bianchi Carnevale

Cruciani su Radio24 ci ha fatto 2-3 puntate sulla cosa.
Lui il video lo trova indecente.
Parenzio viceversa dice che non ci trova niente di male.
Premesso verificarne la veridicità delle voci dei bambini, trovo comuqne penoso l'uso dei minori a tale scopo.
Del resto io penso che anche i bambini che cantano in TV canzoni con testi per loro incomprensibili sia uno spettacolo piuttosto deprimente.
Ovvio qui ci sono le parolacce ad aggravare la cosa.
Detto tutto ciò il video è la "degna" ciliegina" su una grande torta di volgarità cui è ridotta l'Italia negli ultimi anni e del cui stato il nostro capo è uno dei principali responsabili

_____________________
La Partita di beneficienza
Ti invio il programma della partita tra il treno verde e il treno azzurro. Per cortesia fatelo girare e comunicatemi al più presto le adesioni per la cena. Il costo della cena per i ragazzi è di €.10,00 per tutti gli altri €.15,00 Vi aspettiamo numerosi Il Gruppo O.F.T.A.L. di Sannazzaro e il Centro Pastorale di Balossa-Mezzana B. ORGANIZZANO il 12 GIUGNO 2011 Presso il centro Sportivo di Balossa Bigli la tradizionale partita di calcio tra Treno Verde E Treno Azzurro
Programma: ore 14.30 S. Rosario ore 15.00 S.Messa ore 16.30 Partita di Calcio ore 19.00 Cena presso l’oratorio (aperta a tutti)
Costo cena € 15,00 a persona, tutto compreso (vino escluso) €.10,00 per i ragazzi
Per prenotazioni telefonare ai numeri: 0384-886880 339- 1222054
Angelo Chiesa

____________________________________________
La disinformazione sulle sconcezze al Villaggio Stella
Ciao Elvio,
e' la prima volta che ti scrivo e con l'occasione voglio farti i complimenti per il blog. L'occasione pero' l'ho presa per chiarire una vicenda che ho trovato, seppure nella sua "leggerezza", molto offensiva nei riguardi di chi, sentendosi in disagio, ha voluto far sentire la sua voce.
Mi riferisco allo "splendido", con voluto disprezzo, articolo firmato da tal Paolo Calvi, che non conosco personalmente, "giornalista" (...) della Provincia Pavese, sul nudo di alcune "signorine" residenti al Villaggio Stella.
A tale "giornalista" vorrei suggerire di informarsi meglio prima di descrivere fatti e luoghi, con tono anche sarcastico, in quanto la realtà e' molto ben diversa.
Il cortile in questione e' si privato, ma senza alcuna barriera visiva verso l'esterno!!!!.
Ma dove sono la folta siepe e gli alberi rigogliosi???
Io non sono ne' un moralista integralista ne tantomeno un bigotto, pero' che i miei tre figli, che vanno a giocare al parco in fondo a Via Leonardo da Vinci, possano assistere a queste scene mi da' fastidio, molto!
E che un "giornalista" (...) possa ridicolizzare una situazione che puo' infastidire tante persone, mi irrita ancor di piu'!
A tal proposito vorrei ricordare, specialmente a quel "giornalista"(...) che ognuno e' libero di fare cio' che vuole, nel limite delle leggi, ma che la libertà individuale finisce dove inizia la libertà degli altri. Scusa per lo sfogo, ma dovevo scriverlo da qualche parte e il tuo blog mi e' sembrato il posto migliore.
Un caloroso saluto.
Giuseppe Airoldi

Caro Giuseppe
non credo che il tuo sia un semplice sfogo, ma un commento proposto da una persona che vive la realtà quotidiana e che quindi ne è a piena conoscenza.
Come forse dovrebbe fare anche chi fa informazione.

16 commenti:

Marco Schena ha detto...

l'Italia è lo stato dei mille referendum....il popolo italiano aveva già detto NO al nucleare tanti e tanti anni fa'!
Io andro' a votare e votero' SI SI SI SI! Politici nonchè nostri dipendenti (visto che siamo noi a pagare I vostri stipendi) spendete meglio I NOSTRI soldi!

Andrea Bianchi Carnevale ha detto...

Chi ascolta abitualmente “la zanzara” sa che l’abilità di Parenzo in quel programma è proprio quella di cercare argomentazioni che facciano da contraltare alle tesi del conduttore Cruciani, spesso anche a costo di arrampicarsi sugli specchi.
I bambini qui sono usati per un fine politico ovviamente a loro non comprensibile. Mi sembrerebbe pertanto quasi impossibile non condividere la posizione di Cruciani eppure c’è chi in odio al “nostro capo” è riuscito a far passare questa canzone come un puro e semplice divertimento per i bimbi, come se cantassero “il caffè della Peppina”.
Vorrei inoltre farti notare che ultimamente quest’uso dei minori non è una novità… il bambino comiziante del Pala Sharp, il tema sul bunga bunga a scuola, il coro guidato contro la Moratti all’Arena civica sono solo alcuni esempi… Lungi da me difendere il nostro Premier per il quale non nutro una grandissima stima però credo che di torte della volgarità ce ne siano più di una… ognuno ha la sua ricetta per cucinarla e ci mette sopra le ciliegine sue.
Grazie

Marco Schena ha detto...

Andrea....ma in parole povere?

elvio ha detto...

... mi sembrava di aver scritto in effetti che la canzoncina fatta cantare ai bambini è degradante.
ma mi riesce difficile estrapolare questo fatto dalla degrado morale della pessima Italia berlusconiana (suggerire il film "Videocracy")

Andrea Bianchi Carnevale ha detto...

…E infatti non ho scritto niente contro la tua posizione rispetto al video.
Ho solo fatto notare quale era invece il clima generale delle telefonate alla trasmissione… almeno di una parte.
Mi spiace passare per il difensore di Mr.B., credimi ci soffro, non vorrei… mi ci tiri per i capelli…
Le mie obiezioni si riferivano alle tue ultime righe. Scusami ma le ho trovate francamente un pò infantili… Il concetto, in soldoni è: anche quando Mr.B. è la vittima, quando non è colpa sua… è ugualmente colpa sua perché…(motivazione a piacere)…
Videocracy poi non è certo la Bibbia ma un cosiddetto docu-film "a tesi", dove tutto è costruito per confermare una certa idea e come tale dentro vi sono cose vere, verosimili e boiate.
L'importante è guardare, leggere, ascoltare con la mente possibilmente libera e non con quella del tifoso.
Io almeno cerco di fare così…mi sembrava fosse anche un tuo obiettivo… ma mi sto ricredendo.
Ciao

Anonimo ha detto...

Può darsi che io sia infantile.
Ma sai, io credo ancora nei valori e nei princìpi (con l'accento sulla seconda I e non sulla prima..).
Credo che chi fa politica, ad es. debba curare anzitutto gli interessi della comunità e non prima i suoi.
Credo che chi sbaglia debba pagare, chi copre ruoli pubblici deve rispettare le regole come e più degli altri cittadini.
Siamo un paese dove l'80% delle persone usa la TV come prevalente fonte informativa e non esiste al mondo un Paese dove chi è al governo ne controlla anche una discreta quantità.
Il male dell'Italia del XXI secolo non è rappresentato solo dal capo, ma certo è che lui ne è il primcipale protagonista.
Promesse a raffica mai mantenute, continui attacchi alle istituzioni, un concetto della società tutta orientata all'individualismo.
E poi i soldi : chi ha soldi può comprare tutto e tutti.
Insomma Montanelli diceva che "il berlusconismo è la feccia che risale il pozzo" e che "l'Italia di B. è la peggiore di tutte quelle viste".
Montanelli non era bolscevico, comunista etc.
Era un uomo libero. Ah ecco : libertà intellettuale,un'altra roba sconosciuta nel mondo padronale di Re Silvio.

Dario Emanuelli ha detto...

Spero che un giorno in questo blog non debba più leggere..." Anonimo ha detto "

Andrea Bianchi Carnevale ha detto...

Avevo solo portato alla tua attenzione una situazione precisa: il video con la canzone. Bastava rispondere su quello con sincerità, senza SE e senza MA…
Per tutte le altre questioni che poni, posso essere d'accordo su alcune e meno su altre.
Mi sembra sempre più evidente che qui si ragiona da tifosi e io tifo solo quando gioca la mia squadra di calcio.
Ciao

Vittorio Airoldi ha detto...

BRAVO GRANDE ANDREA. Qui sembra che ci sia gente che vuola cambiare l'Italia, ma ho il sospetto che si tratti dei soliti ignoti, anzi dei soliti volti noti come è successo a Sannazzaro dove in consiglio comunale c'è chi ironizza sulla parola "cambiamento" ovvero l'esatto opposto di quello che è capitato.

elvio ha detto...

Vedo che si continua a non cogliere gli aspetti del Cambiamento 2.0, limitandosi ad una riduttiva (e inesatta) analisi sulla variazione amministrativa.
Per quanto mi riguarda come nel 2009 dissi che un primo bilancio poteva essere fatto a fine 2010 (esimendosi dalle tanto giustificabili quanto superflue/ingenerose critiche di inesperienza e di visione ideologica), così farò per l'attuale maggioranza.
Senca cnnsiderare che il cambiamento 2.0 è anche finalmente la possibilità di avere due gruppi in vera alternativa (basta evitare di guardare indietro, ma iniziando magari a fare vera opposizione sui contenuti, vero Vittorio....)
p.s. Tifoso io ?
Caro Andrea quando vorrai confrontarti non sugli slogan ma sui temi io sono qui

Dario E. ha detto...

credo che il cambiamento non c'e' stato. Il 2.0 lo vedono in pochi. Ma non sono io a dirlo ma saranno i fatti. Guarda solo la suddivisione degli assessorati. La vecchia politica a preso tutto ai nuovi le briciole o nel caso del sindaco il nulla. Più che un disegno di cambiamento lo vedo come una immagine di instaurazione. Difficile non guardare indietro perchè cose di oggi sono la conseguenza di scelte fatte in passato, e non dalla vecchia amministrazione che non ha fatto contratti decennali, ma limitati nel breve periodo.
Ma hai ragione elvio aspettiamo ma dovrai ricrederti sulla questione cambiamento 2.0. ciao.

Vittorio Airoldi ha detto...

Il non cambiamento si commenta da sè con le affermazioni del pseudo vice sindaco/sindaco Fazzini durante il primo consiglio comunale se questi sono i personaggi della svolta e del cambiamento aouguri Sannazzaro!!! Noi non siamo ne peggio ne meglio di loro ma ci vantiamo di essre diversi, di fare politica in modo diverso di stare veramente in mezzo alla gente e non solo durante le manoifestazioni o sotto elezioni ma sempre in maggioranza ed in opposizione. A noi non interessea la CADREGA, a loro sì e lo hanno dimostrato nella ripartizione delle deleghe. Se continueremo ad essere all'opposizione la faremo dura ma concreta non con chiacchiere e insinuazioni. Le parole di Fazzini sono state una delle cose più disgustose che abbia mai sentito e sono in tanti a dirlo, te lo assicuro.

Paola ha detto...

Non riesco proprio a capire dove sta questo cambiamento. Sono cambiate alcune facce ma gli interessi sono tornati ad essere quelli di un tempo.... e oltre a questi se ne sono aggiunti dei nuovi!!!
Vittorio, Andrea, Dario vi appoggio al 100%.
Il cambiamento casomai ci sarà quando l'opposizione avrà raccolto i suoi frutti! Non adesso!
Nella precedente giunta tutti lavoravano per il Paese e se c'erano interessi personali non ne ho mai saputo. Qualche risultato si è visto e mi spiace che non ne abbiano potuto avere il tempo per proseguire in questa "missione".
Qui non si tratta di essere tifosi o meno... si tratta di vedere l'operato delle varie giunte... e trarne un giudizio sensato.
Qualche anno fa Sannazzaro era caduto in un letargo profondissimo...
Solo in questi ultimi 18 mesi ho notato un accenno di risveglio....
Mi chiedo perchè ci si ostina ad andare avanti con il paraocchi?!?!

X Dario: per evitare di vedere scritto "Anonimo" basterebbe che Elvio o chi per esso togliesse l'opzione di scrivere nell'anonimato....

Buon week a tutti!

elvio ha detto...

Paola : non mi risulta che si possa togliere la possibilità di non far commentare gli anonimi (che però vedo per fortuna in forte diminuizione).
Per il resto continuo a non capire come non si possa notare l'enorme differenza tra ante-2009 e oggi...
Sembra passata un'era geologica...
(Se Fazzini e Amos non rompevano eravamo ancora qui a menarcela con i commenti, ii post etc !!!)
Questo è stato il BIG-BANG da cui è partito il resto, a iniziare dalla lista Bolognese (finalmente un'alternativa se saprà però lavorare sul territorio) e una amministrazione composta anche da persone nuove della politica.

Paola ha detto...

Elvio mi spiace ma non essendo un informatico non ho la certezza di dirti che si possa togliere l'opzione "anonimo". Prova ad informarti.
Secondo me gli anonimi sono diminuti perchè non hanno trovato un giusto dialogo. Se il commento costruttivo viene fatto da un anonimo non ci trovo niente di male. Perchè si deve sapere a tutti i costi chi sia? Questo non è un GRANDE FRATELLO! In ogni caso non giustifico assoltamente l'anonimo quando passa all'offesa gratuita!
Per il resto viaggiamo sù due binari paralleli che non si incontreranno mai. Mi sembra di essere stata chiara nel dire che SOLO in questi due ultimi anni Sannazzaro si sia un po' risvegliata.
Purtroppo, come vedi, siamo qui a menarcela ancora perchè i commenti sono aumentati e i giudizi non sono certo positivi.
Mi auguro soltanto che la situazione possa solo migliorare.
Per me il discorso è chiuso. Buona giornata

Andrea B C ha detto...

Elvio : Aggiungo un mio ultimo commento solo perché in parte ho contribuito all'avvio di questa discussione.
Nuovo, vecchio, cambiamento… ormai sta diventando stucchevole il giochino.
Vedremo il bilancio della giunta alla fine (se i risultati elettorali saranno confermati).
Certo se il "vecchio" lo rappresenti con il tandem "Fazzini e Amos" come scrivi nel tuo commento a Paola, puoi chiaramente vedere che almeno il 50% di quel "vecchio" è ben presente anche oggi (infatti aggiungi… una amministrazione composta ANCHE da persone nuove della politica... io troverei più giusto composta DA QUALCHE persona nuova della politica)…. Un 50% che si è presentato con una nuova formula, con nuovi compagni di viaggio, travestendosi… la si può vedere come si vuole ma è così… Comunque il PD ha fatto un'ardita mossa politica e l'ha vinta, per pochissimo ma l'ha vinta… tanto di cappello… però che tu la faccia passare come la novità del secolo…Beh, sarei almeno un tantinello cauto, ecco… forse potevi mettere un punto di domanda… sarà cambiamento 2.0?