12 novembre 2010

178 - Cambiare mentalità : "Nonsolo Comune"


Buona settimana a tutti.

In un paese di 6.000 anime (anche se di fatto di almeno altre 1.000 domiciliate) il ruolo del Comune nella vita dei cittadini è prioritario.
Ma può essere esaustivo o meglio, quali sono i rischi di considerare il Comune come unico interlocutore per tutto ciò che ha a che fare con il pubblico

Prima una nota su via Vigevano : allora il problema esiste....
Ringrazio la nostra Polizia Locale, li ho visti controllare la velocità in via Vigevano.
Certo è assurdo : esiste un semaforo rosso-stop, ma visto che non serve i vigili fanno i controlli !
Risultato : si spendono i soldi due volte :
1) per mantenere l'ìinutile catafalco spesso fuori uso, senza telecamera e quindi spesso ignorato dai cretini
2) si spendono anche i soldi per il controllo dei vigili (che ripeto ringrazio per la loro preziosa opera).
Però capite bene che è una situazione assurda.
La soluzione ? Dossi artificiali.
Vantaggi : bassi costi di manutenzione e obbligo garantito ai piloti di rallentare
Cosa stiamo aspettando ?


I rischi del paese Comune-centrico.
Avete dato un'occhiata al video ?
Provate a sostituire la parola "amministrazione comunale" alla parola "governo".
Avete la realtà che fino a ieri caratterizzava Sannazzaro.

Da quando l’attuale maggioranza ha deciso di avanzare l’istanza per attribuire il titolo di città a Sannazzaro, sono iniziate le riflessioni.
Abbiamo già detto che città vuol dire cambiare anche mentalità : il sannazzarese è ancora un paesano e la differenza, ad esempio, con Garlasco è mentale, prima ancora che urbanistica.
Abbiamo detto che, sebbene ci siano segni di cambiamento (estensione orario dei servizi comunali, istituzione si un call-center per il verde) con questi servizi che il Comune eroga, non è ancora pensabile fare il salto di qualità.
Abbiamo detto che una Sannazzaro a vocazione cittadina deve facilitare l’introduzione dei nuovi arrivati, anche con delle brochure (welcome-package per i neo residenti) che indichino dove-reperire-cosa, quali servizi sono presenti sul territorio etc.
Abbiamo anche detto che diventare città, vuol dire essere ambiziosi e innovativi attivando, ad esempio, la casa dell’acqua (con risparmio a famiglia di 300 euro/anno), istituire magari dei parcometri in alcune vie (ad es. via Cairoli), istituire i dossi anti-velocità.
Oggi aggiungo un concetto utile a capire cosa vuol dire “salto di qualità” e cambiare mentalità.
Se c’è un lascito estremamente negativo delle vecchie amministrazioni è la visione “comune-centrica” della vita sociale.
Tutto dipende dal Comune, si va in Comune per tutto, si parla con gli assessori o con i servizi comunali per tutto.
Non va bene.
Intanto Assessori e Servizi comunali sono entità che vanno ben distinte e la confusione nei loro ruoli è assolutamente voluta da chi ha in passato lucrato su tale mix.
Le richieste (spesso scambiate come favori, come nei paesi più arretrati del meridione), vanno avanzate ai servizi comunali e guai se questi vengono scavalcati o peggio ancora smentiti dagli assessori, come spesso avveniva in passato.
Il risultato devastante è la situazione di oggi, prodotto da interi lustri nei quali assessori e servizi comunali venivano (e vengono) visti come la stessa cosa.

E poi : ma perché se devo chiedere informazioni sulle farmacie, sui dottori etc, mi devo recare in Comune ?
Perché se devo chiedere informazioni sull’acqua, mi devo recare in Comune?
C’è gente che va in comune anche per l’energia elettrica e per i disservizi dei mezzi di trasporto.
Non va bene.
Il Comune per tali richieste non ha competenza alcuna e si rischia così di accreditare il politico in malafede che può millantare un intervento (e quindi la sistemazione del problema), quando nella realtà il suo potere di intervento è nullo.
Dottori e farmacie sono problemi di competenza dell’Asl.
Disservizi delle ferrovie di Trenitalia.
Acqua, rivolgersi al CBL.
Etc. etc.

E’ ovvio che nei piccoli comuni, il Municpio è l’istituzione più vicina alla popolazione, quella a cui rivolgersi in prima battuta.
Ma nei casi sopra citati il Comune può fare da “facilitatore”, non essendo deputato a erogare i relativi servizi.
Il consenso raccolto tramite l’intermediazione (richieste di servizi e diritti, venduti dai politici come favori) è alla base di questo medioevale modo di governare.
Allora, invito davvero l’Amministrazione comunale a fare due semplici cose
a)
distribuzione di una brochure e pubblicità con i riferimenti dei vari enti a cui rivolgersi per i diversi servizi presenti sul territorio
b) Istituzione dell’ufficio relazioni con il pubblico (URP) in grado di dirottare subito presso gli enti competenti (con tanto di numero telefonico e indirizzo) le richieste che non competono al Comune (se l’Urp è già previsto non è evidentemente ben pubblicizzato).
Anche così si segna il cambiamento e il cammino verso la realtà cittadina.





Asfalti, se sono terminali i lavori ... che delusione.
Mi dicono che gli interventi alle strade urbane (asfalti e segnaletica orizzontale) sono terminati. Mi sembra strano.
Vi confesso che, se cosi fosse, resto deluso per i seguenti motivi:
1) gli asfalti sono stati rifatti in un paio di vie, mentre esistono strade urbane estremamente degradate con usura dei pneumatici e rischio incolumita' per i ciclisti
2) la segnaletica orizzontale e' stata rifatta in pochissimi punti ; nei parcheggi centrali e' messa male e in quelli periferici e' del tutto sparita.
Inoltre le strisce pedonali ad alta visibilita' che erano posizionate negli attraversamenti di alcune importanti vie e nei pressi delle scuole sono del tutto sparite e mai più rifatte.
3) Le vecchie amministrazioni avevano tanti e noti difetti, ma io ricordo che sistematicamente ogni anno (a primavera di solito) si interveniva sulle strade per rifare le strisce.
Non e' un giudizio politico, ma semplicemente una constatazione visibile a tutti.
Mi rendo disponibile con il Comune per indicare alcuni tratti di strada i cui interventi sono davvero urgenti.

Primo riscontro dal Call-center del verde pubblico.
Da circa un mese al numero verde 800.722.288 si possono segnalare i problemi che i cittadini riscontrano nelle aree verdi, permettendo il monitoraggio della manutenzione affidato alla ditta SMEI e un migliore intervento.
Dopo due settimane dall’attivazione le chiamate dei cittadini (tra cui il sottoscritto) erano state già una dozzina.
Ecco un modo per incrementare il senso civico : far valere i propri diritti di contribuenti avvisando dei problemi chi gestisce il servizio.
(
Attenzione però, perchè il panno appeso all'albero dell'area giochi di via Loreto è sempre lì, pur avendolo segnalato da giorni...)

Via Vigevano, continua il marameo all'inutile rosso-stop
Martedì ore 19,05, l'ennesima macchina condotta dall'idiota di turno, sfreccia indisturbata con il semaforo rosso.
Ricordo che il catafalco di via Vigevano non ha telecamera attiva e quindi viene ignorato da molti incivili.
I dossi sono l'unica soluzione.
Rispetto delle regole : cosa stiamo aspettando ?




Esplosione all'Eureco : l'ennesimo motivo per dire NO all'inceneritore della C.R.
Pochi giornoi l'esplosione di Paderno Dugnano che ha coinvolto una decina di lavoratori (alcuni in fin di vita) è stato solo l'ultimo degli episodi che ha coinvolto il gruppo Erureco (www.eureco.it) all'interno del quale è presente la ditta C.R. che ha la sua sede a Sannazzaro, per intenderci quella di via Alessandria (verso Ferrera) che da anni ha aperto un contenzioso con il Comune per la costruzione di un inceneritore di rifiuti speciali.
Per capire di cosa e di chi stiamo parlando, vale la pena fare un riassunto della CR e di Merlino. il suo titolare.
Ecco cosa scrivevo nel Blog tempo fa.
In tutti questi anni sono stati diversi gli incendi e gli incidenti "strani" che si sono sprigionati all'interno dei capannoni della ditta coinvolgendo anche il personale addetto (1 morto), senza contare il tentativo, avviato qualche anno fa, di costruire un inceneritore per rifiuti pericolosi,un'autentica follia pensata in una zona già a rischio ambientale e a pochi metri dagli impianti ENI.
Occhio perchè tale follia non è affatto passata e la CR ci sta riprovando.
..... Facciamo un pò di storia della C.R.
Degli incendi e degli incidenti abbiamo già parlato.
Qualche tempo fa la Provincia di Pavia, durante un'ispezione, rilevò diverse anomalie negli impianti in via Alessandria della ditta, ditta che fa parte del gruppo Eureco al cui interno opera Merlino Giovanni, la cui ditta ha avuto a partire dalla metà degli anni '90 problemi con le istituzioni.
Prima la USSL 68 di Cinisello Balsamo che nel 1994 rileva come lo stoccaggio degli olii non fosse effettuato nel pieno rispetto della normativa, poi la USL 32 di Garbagnate Milanese che propone al Comune di Paderno Dugnano, che recepsice, di emettere un'ordinanza per cessare alcune operazioni nell'ambito delle attività della C.R.
Insomma una ditta niente male.....

Adesso, riporto il link che riassume le vicende giudiziarie :
http://www.ilgiorno.it/sesto/cronaca/2010/11/05/410523-magie_merlino.shtml
Insomma già un inceneritore da noi sarebbe una follia, immaginarsi gestito da gente così.
Sembra che Merlino abbia conoscenze nelle alte sfere della politica.
Ecco cosa riporta il sito
http://www.retelombardasalute.com/2010/11/il-rogo-del-giorno-dopo-in-quella.html :
"
Questo potente imprenditore del settore dei rifiuti è considerato vicino all'ex assessore regionale all'Ambiente, Massimo Ponzoni, già socio di Rosanna Gariboldi, ex assessore pavese e soprattutto moglie di Giancarlo Abelli, deputato del Pdl e braccio destro del governatore Roberto Formigoni.
Merlino nega queste conoscenze: Non so nemmeno chi siano, non mi occupo di politica. Abelli non so nemmeno come si scrive
".

Raccolta di firme in Comune contro il nucleare.
In Comune è possibile firmare per una petizione promossa da Rifondazione Comunista contro le centrali nucleari

Svilippo economico : facciamo il punto.
Facciamo il punto sulle nuove iniziative.
Sono 4 , Albergo Italia, Hotel Eridano, Supermercato di via Loreto e Casinoò Dollaro.
1) Albergo Italia, ha regolarmente aperto le attività a meta' settembre
2) Casinò Dollaro (sala giochi) e' operativo da inizio settembre.
3) Hotel Eridano partira' entro fine dicembre
4) Supernercato, note dolenti. Non sono ancora iniziati i lavori e l'apertuta prevista da qualcuno per Pasqua 2011 a questo punto e' impossibile.


La parola ai cittadini. Scrivi a : cambiasannazzaro@libero.it

Precisazione sulla banda larga.
Ciao Elvio,
Come al solito ho letto l'aggiornamento al blog e, devo, come sempre farti i complimenti.
In questo caso però sono costretto anche a sottolineare una piccola imprecisione nel tuo articolo.
Mi riferisco alla frase "...la fibra ottica è la vera banda larga con connessioni capaci di raggiungere i 100 megabyte aprendo le porte davvero...." nella realtà è un errore molto comune, quando si parla di velocità di trasmissione si parla di megabit /secondo, una velocità di otto volte inferiore (1byte = 8bit)
La velocità massima raggiungibile dalla fibra ottica, allo stato attuale è 1000megabit/secondo (1 gigabit/secondo).
Si, lo so, deformazione professionale :
Saluti e ancora complimenti

Loris Arnè

Hai ragione ed in effetti la distinzione tra byte e bit è una della basi dell'informatica.
Ho confuso i due termini
Grazie per la precisazione

I meriti della Commissione per la Salvaguardia Ambientale
Ciao Elvio,
ho visto sul tuo ultimo blog (ormai di difficile lettura, troppo sbilanciato sulle osservazioni politiche) le considerazioni fatte sull'impianto Est con l'Ok della regione, che però a mio avviso meritano un po' più di considerazioni le persone che si sono attivate fin dall'inizio.
Il progetto sottoposto a VIA relativo all’impianto denominato EST alla luce della delibera regionale possiamo considerarlo un momento positivo per il nostro territorio.
L’argomento è stato affrontato a più riprese in passato dalla Consulta ambientale presieduta dall’ ing. Roberto Zucca, attualmente Presidente della Commissione di Salvaguardia Ambientale che quindi ha seguito l’iter fin dall’inizio.
Durante quest’ultimo anno la Commissione ha trattato svariati contenuti tecnici del progetto che ENI ha presentato al Ministero.
Nel momento in cui l’Amministrazione ha dovuto esprimersi con un parere di competenza, la Commissione ha fornito il proprio contributo che si è tradotto in osservazioni che l’Amministrazione ha fatto proprie e successivamente le ha presentate al tavolo di concertazione degli enti.
Le osservazioni sono spaziate dalle emissioni in atmosfera alla viabilità.
Nella delibera regionale 718 del 26/10/10, che conclude l’iter a livello locale (il procedimento proseguirà sui tavoli romani e si concluderà eventualmente con il decreto ministeriale), nelle prescrizioni, sono stati ripresi dalla Regione TUTTI i punti sollevati dalla Commissione.
Nell’allegato 1(h) della delibera viene altresì citata direttamente la Commissione che si occuperà del coordinamento dei monitoraggi ambientali.
E’ possibile ritrovare i contributi della Commissione nei punti riguardanti le emissioni (punto e), i controlli sulla prevenzione incidentale industriale e viabilistico (punto a), del monitoraggio ambientale(punti b,c,d,h), della salute pubblica (punto i) e delle opere di mitigazione e compensazione ambientale (punto f).
Mi sembra opportuno sottolineare il lavoro, poco visibile ma importante, dei membri della Commissione, del Segretario Dott. D’Agostino e del suo Presidente Ing. Zucca.
A presto
Angelo Chiesa

Caro Angelo,
tralascio il tuo giudizio sul blog “sbilanciato”….(magari fammi qualche esempio…) che fai fatica a leggere.
Almeno che non te lo consigli il tuo dottore, se ti è così difficoltoso puoi anche rinunciare alla lettura.
Ho l'impressione che invece il tuo giudizio sia deformato dal tifo politico e come ben sai per me i tempi
dei Don Camilli e Pepponi, per dirla alla Montanelli, è finito da un pezzo.
Sul lavoro della Commissione non ho da eccepire e infatti nel mio commento a cui tu fai riferimento, non l’ho citata.
Anzi, prendo atto che la stessa ha accolto ufficialmente due pareri : quello di Andrea Ziglioli e quello del sottoscritto (peraltro evidentemente consultabili leggendo il pdf della delibera).
Concordo nel sottolineare il lavoro delle Commissione, ma le mie perplessità erano altre e in particolare :
a) chi controlla se le mitigazioni sono effettivamente realizzate (non vorremmo ritrovarci ancora con le piantine di pomodori invece degli alberi ad alto fusto) ?
b) esiste una data (o date) entro la quale effettuare tali mitigazioni ?
c) esistono delle penali in caso di mancata realizzazione delle mitigazioni ?
Chissà se le domande avranno una risposta nell'autorizzazione finale ministeriale

Partito Democratico : Convegno provinciale delle Donne
Ciao Elvio,
ti invio locandina relativa ad un bel progetto.
Grazie
Graziella Invernizzi






I New Trolls a Sannazzaro e gli altri appuntamenti natalizi
Lo storico gruppo del panorama musicale italiano, suonerà sabato 11 dicembre in Piazzale Mainoli, nella nuova tensostruttura riscaldata.
Il concerto avrà un nobile obiettivo, infatti tutti gli incassi saranno destinati alla AISLA, l’associazione dei malati di sclerosi multipla.
Carlo Vecchi e Claudio Rubagotti, organizzatori della serata, approfittano quindi della loro conoscenza “illustre” per portare in Lomellina lo storico gruppo..
L’occasione è delle migliori; aiutare il prossimo ascoltando della buona musica.
Si prevede un’altissima affluenza di pubblico.
Biglietti in vendita dal Parrucchhiere Lo Scalpo e da Ottica Marinelli.
Ma il periodo a ridosso del Natale ha altri due momenti importanti.
Domenica 29 novembre si terrà per le vie del centro il mercatino di Natale e domenica 5, in Piazza Palestro, ci sarà la grande giornata della cioccolata in piazza

5a Festa del Donatore per AVIS
Domenica 5 dicembre si terrà la 5a Festa del Donatore di Avis Sannazzaro.
Sono in distrubuzione gli inviti per i Donatori e gli ospiti.
Info e programma su
www.avissannazzaro.it

Successo per "buon vino fa buon sangue"
Sta riscuotendo successo l'iniziativa che Avis Sannazzaro sta conducendo con la Federazione Italiana Sommelier dal titolo "Buon Vino fa buon sangue".
All'interno del Centro Polifunzionale Mattei sono in corso le lezioni del corso base per degustatori di vini al quale partecipano una ventina di persone.
Nelle 5 lezioni previste del corso, reso possibile anche dal patrocinio del Comune di Sannazzaro, verrano illustrati i rudimenti della coltura e della cultura del vino, le caratteristiche che lo compongono, le tecniche di produzione e invecchianento e le informazioni per gli abbinamenti con i cibi.
Ecco il link di presentazione del corso sul sito della Fisar di Pavia
http://www.fisarpavia.it/index_file/minicorso4.pdf

Nessun commento: