9 dicembre 2011

229 - Agevoliamo le piste ciclabili


Buona settimana a tutti.
 

Parliamo oggi di qualità della vita.
Sicuramente una città/paese dove si usa di più la bici è una realtà migliore, dal punto di vista ambientale e del senso civico.
Vediamo oggi alcune semplici misure per favorire le due ruote a Sannazzaro.


News della settimana.
Facce di palta !

Che la manovra del nuovo governo Monti sia molte tasse e pochi tagli è certo.
Che si potevano meglio spalmare i sacrifici è un dato di fatto.
Perché, ad es.  non tagliare ancora di più i costi della politica (finanziamenti ai partiti, taglio parlamentari, prebebende etc.) ?
Perché non prevedere la vendita all’asta delle frequenze del digitale ancora attive ?
Perché non lottare davvero contro i parassiti evasori ?
Tutte misure che fanno dire che la maxi-manovra anti-fallimento poteva e doveva essere fatta meglio, invece di accanirsi prevalentemente contro i soliti noti (lavoratori dipendenti a medio reddito).
Ma che le critiche arrivino anche da chi ha contribuito più di tutti a portare il Paese ad un passo dal fallimento, da coloro che dicevano solo poche settimane fa che “i ristoranti sono pieni”, che i “posti sugli aerei sono sempre pieni” e panzane varie è inaccettabile
Facce di palta, appunto, per non dire di peggio 

 
La vergogna delle frequenze televisive : 16 miliardi di mancato guadagno !
Il governo ci sta spremendo di tasse e alcuni tagli
La manovra (bruttina, poteva anzi doveva essere fatta in maniera più equa), andava fatta per salvare il Paese dall’orlo del fallimento a cui ci ha portato il peggiore governo della storia repubblicana quello di B.
Adesso B. ha la decenza di tacere abbastanza, mentre i suoi compari della Lega continuano senza vergogna a parlare e proporre soluzioni “alternative” e a pontificare.
Uno dei grandi difetti dalla manovra di Monti è a gestione delle frequenze TV.
Sintetizzo :
1) si devono assegnare le frequenze digitali televisive
2) quelle frequenze sono proprietà dello Stato e dunque appartengono a tutti
3) le frequenze valgono sul mercato 16 miliardi, cioè più di metà della manovra !!!.
Com'è possibile che questo bene pubblico così importante venga regalato agli operatori tv attraverso il "beauty contest" deciso dal governo Berlusconi, cioè quel "concorso di bellezza" che cede gratuitamente le frequenze a Rai e Mediaset?
Il governo può (DEVE) organizzare nel nome della libertà e della democrazia una vera asta egolare, che non regali ma valorizzi le frequenze a vantaggio dei conti pubblici.
E dichiari che le risorse serviranno a finanziare la manovra, magari aiutando le pensioni !
Una volta, forse, questo tema poteva essere portato avanti dalla Lega.
Oggi ha ormai sacrificato i suoi principi sull’altare berlusconiano.
Il governo Monti, se vuole marcare una netta discontinuità con il passato , dovrebbe avere il coraggio di assumere certe iniziative.

Top Stories sannazzaresi

Caserma dei carabinieri … con palestra.

Confesso che non ho ben capito il meccanismo con cui viene approvato l’iter realizzativo della nuova caserma dei carabinieri.
I soldi per la costruzione li mette il Comune (attraverso contributi esterni project financing).
L’affitto lo paga il Comune per i primi 6 anni e poi lo Stato.
Ma lo Stato ha detto che l’affitto costava troppo e si scopre che nel progetto era prevista una palestra…..
A cosa serve una palestra per i carabinieri ???
Se proprio si doveva dare loro un benefit (a mio avviso più che legittimo), si poteva dotarli di buoni per l'accesso alle palestre private di Sannazzaro.
Morale : lavori bloccati e appalto da rifare.

Gli asfalti del Contò...sono di sabbia

Le toppe messe 2 mesi fa sono già un ricordo.
Non era asfalto, quello, era materiale friabile. E' parso chiaro subito a tutti.
O quasi a tutti. In Comune non se ne sono accorti.
Lavori da rifare.... e l'inverno è alle porte



Continua la battaglia contro chi vuole installare una bomba a orologeria sotto le nostre case.
Diamo oggi il benvenuto tra i BUONI (cioè chi si oppone alla demenziale discarica) al Sindaco di Candia e al Sindaco di Lomello.
Il primo, che dista pochissimo da Casale Monferrato, sa bene la mortalità che provoca l'amianto.
Chissà se a qualche sannazzarese che ancora "non capisce" il perchè di questa battaglia di civilità, questo non possa dire qualcosa !

Ecco la Lista aggiornata dei BUONI (Chi dice NO alla Discarica) , enti, soggetti che hanno pubblicamente affermato la loro contrarietà al progetto, è così composta:
- Comune di Sannazzaro (Amministrazione e intero Consiglio Comunale)
- Comune di Ferrera
- Comune di Scaldasole
- Sindaco di Candia L.
- Sindaco di Lomello

- Precedente Amministrazione comunale di Mezzana Bigli
- Alcuni Agricoltori della zona
- Legambiente
- Comitato La Nostra Sannazzaro
- Comitato per Lomello
- Comitato NO Amianto di Mezzana Bigli
- Comitato No Amianto di Ferrera

- Amministrazione Provincia di Pavia
- Consigliere Regionale Villani (PD)
- Consigliere Regionale Pesato (PDL ), comunicato dal co-coordinatore PDL Sannazzaro, Airoldi
- Lista Bellini, raccolta petizione di firme contro la discarica

- Pro Loco Sannazzaro
- GP AvisAido
- GLPI Sannazzaro

Ricordo che non ci sono tante posizioni : chi non è contro la discarica, è a favore

Ecco la mappa : guardate dove vivete e fate due conti.



V
eniamo al post della settimana : agevoliamo l'uso della bici
 Faccio ammenda io per primo : non uso la bici così tanto come vorrei.
Questione di pigrizia, ma questione anche logistica.
Sannazzaro, è un paese (una cittadina…) ed ha dimensioni tali per cui l’utilizzo della bici dovrebbe essere massiccio.
Purtroppo non è così.
Ci sono è vero, molte persone che usano la bici come mezzo di spostamento, ma la macchina la fa da padrona …. soprattutto nelle vie del centro, e si vede.
Allora,
proviamo a vedere come agevolare l’uso delle due ruote.
1) Incrementare le piste ciclabili, di cui Sannazzaro è già ben dotata (grande fu l’idea del Sindaco Testa nel 1994 di realizzarle in centro)
Vie ciclabili sono in uscita verso Scaldasole, verso Pavia e in via Loreto.
Ce ne sono anche in via Voghera e in viale Italia.
Per non parlare, appunto, di quelle delle vie del centro (l’anello via Mazzini, via Cairoli, via Garibaldi)
Occorrerebbe prolungare quella di via Pavia e quella di via Vigevano, congiungendosi alla futura pista cilcabile che porterà a Scaldasole.
Penso che in termini di piste ciclabili, con queste due modifiche, non siamo messi male.
Molto dovrebbe arrivare dalle ciclabili previste dalla convenzione con ENI
2) Protezione piste ciclabili
Mettiamo dei panettoni in via Loreto per evitare che qualche incivile parcheggi nel controviale riservato a bici e pedoni
Mettiamo dei blocchi anche in via Italia, blocchi rimovibili (piccole sbarre?) per il passaggio dei cortei funebri
Mettiamo il divieto di sosta “vero” (c’è già ma non viene rispettato), in via Mazzini e proteggiamo la relativa pista ciclabile.
3) Rastrelliere
Andrebbero messe davanti ai supermercati (ce ne sono, ma incrementiamoli, magari facendoli sponsorizzare), sotto i portici, al campo sportivo, al Centro Polifunzionale.
Fuori dalla Chiesa.
E proteggiamo le rastrelliere da chi parcheggia (come in via SS Nazzaro e Celso….)
Insomma ovunque si possa arrivare in bici.
4) Parchimetri
Agevoliamo l’uso della bici che non inquina e penalizziamo l’auto.
Mettiamo i parchimetri in Piazza Mercato e Piazza del Popolo, in via Cairoli Chi vuole può parcheggiare “aggratis” in Piazzale Mainoli.
Il principio è che la comodità costa.
5) La Polizia Locale
A Milano presidiano l’entrata e uscita dalle scuole con i vigili in bici.
Non sarebbe meglio che anche da noi i vigili girassero in bici ?
Sarebbe anche un ottimo veicolo promozionale per incentivarne l’uso da parte dei cittadini
.

CambiaSannazzaro ... 3 anni dopo
Devo dire che è già da un paio d'anni che avevo notato la cosa e anche oggi il Comune non si è fatto trovare impreprarato all'emergenza neve.
Nella mia via, estrema perferia del paese, alle 6,35 lo spazzanave era già all'opera.
Presto o tardi? Tanto per avere un riferimento sia a Scaldasole (7.00)che e a Gropello (7.40) la neve era ancora presente e non rimossa nelle vie adicenti alla strada principale.
Speriamo poi che stavolta si ricordino anche di gettare il sale in prossimità del passaggio a livello di via del Contò, che dopo la recente nevicata si era trasformato in una pericolosa trappola di ghiaccio per pedoni e automobili.

(12 dicembre 2008)

5 commenti:

Anonimo ha detto...

buongiorno a tutti!!! sono super d'accordo con l'iniziativa di incentivare le piste ciclabili; anzi mi spiace che questo tipo di discorso venga visto da molti come un'utopia o qualcosa di difficile realizzazione.
Le condizioni sono, a mio avviso perfette: no salite e no discese; caro benzina; riduzione smog e aspetto da non sottovalutare esercizio fisico salutare.
Certo che, per fare in modo che vi sia un'apertura a questo tipo di abitudini(tipicamente nordeuropee)è necessario che il comune metta a disposizione più piste ciclabili.
Esempio: utilizzare la bici in via pavia è molto pericoloso: assenza piste ciclabili e macchine che ti sfrecciano affianco. Colgo l'opportunità per segnalare questo fatto.Infondo qualche dosso sarebbe un ottimo ed economico inizio.
Non solo la mentalità dei cittadini deve cambiare!!

ev ha detto...

Tranne per il fatto che non ti sei firmato (perchè???) concordo su tutto

Marco Schena ha detto...

tutte le vie di ingresso dovrebbero essere munite di piste ciclabili e DOSSI per rallentare i DEMENTI in auto e anche in moto!!

ev ha detto...

Caro Marco come ricordi,quella sui dossi è una vecchia battaglia del Blog. Finora però nessuna amministrazione li ha mai realizzati

Marco Schena ha detto...

Elvio lo so che fanno orecchie da mercante!
Poi quando le vacche sono fuori chiudono il recinto!