19 marzo 2010

149 - Tagli delle piante e polemiche. Ecco il sondaggio




Buona settimana a tutti e buon inizio di primavera.
La proposta dell'Amministrazione di tagliare alcuni alberi (per motivi vari) e di sostituirli con nuove piante ha scatenato la prevista polemica non solo con gli amici ambientalisti.
... ed ecco perciò il sondaggio per tastare l'opinione dei cittadini.

Prima però di parlare del post, una breve considerazione che la dice lunga sulle "aspettative" che molti cittadini hanno rispetto alle notizie.
Una persona mio ha chiesto perchè non scrivo più per il periodico della free-press che viene distribuito gratuitamente.
L'avveo già detto ad altre persone che mi avevano fatto la stessa domanda.
Ho fatto la scelta di aprire questo Blog per dare a tutti i miei concittadini la possibilità di discutere on line sulle questioni sannazzaresi.
Dovremo ringraziare Beppe Grillo, al di là delle considerazioni politiche, per aver diffuso in Italia la conoscenza dei Blog.
Il futuro è sul web che assomma i vantaggi della stampa (molto spazio a disposizione) a quelli della TV (possibilità di intervenire tempestivamente commentando la realtà).

Ma quello che volevo evidenziare è che chi mi ha fatto questa domanda ha aggiunto la sua considerazione sul fatto che "non tutto va bene a Sannazzaro, ce n'è da scrivere".
Non ci siamo.
Questa intanto è la migliore prova che le brutte notizie e ele critiche attirano di più i lettori e acendono il dibattito.
Ma la scelta che ho fatto su questo Blog è invece quella di cercare di stimolare le discussioni proponendo argomenti di diversa natura, raccontando la Sannazzaro che non piace, ma anche quella che piace.
E, come dico spesso, i sannazzaresi hanno purtroppo (almeno d'impulso) un'opinione del loro paese peggiore della realtà.
Se poi ci si addentra un attimo nei problemi e si ragiona ecco che in fondo Sannazzaro è stimata dai suoi abitanti (come dimostra iul sondaggio su questo Blog di gennaio 2009) e spesso il ragionamento si basa però su informazioni incomplete, quando non corrispondenti alla realtà.
Il Blog nasce anche per questo.
E infine a proposito di stampa, ringrazio Stefano Calvi, direttore del settimanale La Lomellina, per aver dedicato ampio spazio a Cambia Sannazzaro.
Spero che a breve il pezzo possa essere pubblicato anche sul sito del giornale.


E veniamo alle polemiche sul taglio delle piante.
Come è noto il Comune sta avviano l'intervento straordinario sulle piante di alcune zone (Via Loreto, Viale Italia e Via Gorana).
Il Blog ne ha già parlato ospitando gli interventi di Legmbiente e di Paolo Montanari esponente della maggioranza in Comune e Presidente della Consulta per l'ambiente.
Adesso gli ambientalisti sembrano decisi a continuare la loro opposizione contro quello che loro definiscono un taglio illogico e dannoso al patrimonio arboreo pubblico.
Il Comune risponde che l'intervento, dal costo complessivo di 160.000 euro, è finalizzato a piantare centinaia di nuovi alberi e che il taglio delle piante è dovuto a diverse motivazioni.
In Via Loreto perchè alcune sono in condizioni di salute precarie, in viale Italia perchè il terreno non permette lo sviluppo congruo delle radici e in Via Gorana perchè stanno devastando marciapiedi e le mura di recinzione di alcune abitazioni.

Allora, intanto dovremmo cercare di evitare le posizioni talebane da ambo le parti.
Agli ambientalisti : cercate di capire meglio le motivazioni dell'intervento proposto, richiedete di prenedere visione dell'analisi compiuta dai tecnici ingaggiati dal Comune che motivano lo stato di malattia o di fine vita di alcune piante e cercate di distinguere tra la volontà di tagliare le piante dagli errori compiuti in passato quando forse occorreva studiare meglio la compatibilità tra alberi e terreno oggetto dell'intervento (era così difficile immaginare che le radici di certi alberi potevano rovinare i maricapiedi ? Forse conveniva evidenziare allora la cosa)
Al Comune, di contro, forse converrà motivare meglio gli interventi proposti e il consiglio di sempre, una delle più grosse carenze delle amministraizoni sannazzaresi : l'insufficiente comunicazione con i cittadini.
Se un cittadino non sa, non è messo al corrente, è propenso a ragionare per clichè (destra-sinistra, verdi-non verdi e roba varia).
Ricordo quando, tra i pochi, difesi i lavori di rifacimento degli arredi urbani del centro proposti dalla vecchia giunta comunale.
Anche lì, ci vollero diverse settimane prima che i cartelli che illustravano il progetto complessivo venissero esposti e comunque questi interventi straordinari vanno discussi con la gente.
Chi amministra ha il diritto-dovere di procedere con le sue azioni, ma una condivisione con la gente sui grandi interventi serve a informare bene e meglio gli azionisti del Comune, cioè noi.
Quando settimane fa parlando con un assessore gli dissi di cercare di comunicare bene l'intervento straordinario sulle piante, sapevo che la scarsa informazione avrebbe provocato polemiche di questo tipo.
Esiste un perodico edito dal Comune, L'Eco di Sannazzaro.
Bene usiamolo, non per fare spot propagandistici dell'Amministrazione, ma per fornire i dettagli delle iniziative intraprese o programmate (ovviamente dando voce alle opposizioni per riportare eventuali opinioni differenti)
Comunwue adesso le polemiche adesso vanno tagliate (queste si) con un sereno confronto.
L'ambiente non ha e non deve colore politico e forse gioverebbe ricordare come decenni di amministrazioni di sinistra proprio a Sannazzaro hanno permesso quello che tutti sappiamo e che una certa inversione di tendenza è iniziata solo negli ultimi 4-5 anni.
Basta ricordare, infatti, che solo proprio sotto la recente amministrazione Debattista venne finalmente presa in carico da Arpa la gestione delle centraline per il rilevamento degli inquinanti (fino a quel momento gestite da ... ENI ...), che da inizio del 2009 è decollata anche da noi la raccolta differenziata porta-a-porta (che andrebbe estesa a tutto il paese), che il progetto Po-Net(salvaguardia della sponda a nord del PO) ha finalmente visto la luce.

Del resto gran parte del merito della maturata coscienza ambientale va proprio agli ambientalisti e a Legambiente e dobbiamo tutti pressare le forze politiche perchè la salvagurdia dell'ambiente sia sempre in cima ai programmi delle amministrazioni e delle iniziative intraprese.
Ai cittadini l'invito a partecipare alla prossima Consulta per l'Ambiente (lunedì 22 marzo ore 21.00 sala cons. comunale) dove si dibatterà proprio dell'argomento.
La consulta che peraltro sembra essersi spaccata proprio su questo tema.
E' normale che su un tema come questo si possa arrivare ad una posizione non unitaria.
Ma vale sempre lo stesso discorso.
Chi ha deciso l'intervento sulle piante (Comune) ha il dovere di motivarlo bene e nei dettagli.
Se ci sono piante malate a rischio caduta, come pare emergere dall'analisi compiuta di tecnici comunali su alcune piante di via Loreto, credo che ci sia ben poco da discutere.
Almeno che chi si oppone al taglio non lo motivi nel merito.

Intanto il Blog lancia il sondaggio proprio su questo tema, nella tradizionale colonna a destra.




Alcuni aggiornameti sull'iniziativa (che ricordo ha come fine la segnalazione delle criticità realtive al patrimonio comunale, cioè di tutti noi).Mi dicono che i cartelli della pista ciclabile di via Pavia sono stati sistemati nel verso giusto.
Ma sempre in via Pavia resta aperto il problema del lampione bruciato, proprio all'imbocco della rotonda (occhio!)
Come sono ancotra
guasti i punti luce proprio di fronte alla casa parrocchiale di P.za Cesare Battisti.L'elenco completo è sempre disponibile nella colonna a dx del Blog.

Ma chi ha fatto i lavori al cimitero?
Anzi la domanda dovrebbe essere : chi doveva controllare i lavori eseguiti dalla ditta che aveva in appalto le opere per la costruzione delle nuove cappelle gentilizie ?
Mi dicono che si sono perdite di acqua dai soffitti, pendenze sbagliate dei pavimenti che favoriscono l'ingresso dell'acqua invece che l'espulsione, muri scrostati, tanto che il Comune dovrà spendere decine di migliaia di euro per sistemare i lavori fatti con il ....!!!

Due domande quindi :
1) chi doveva controllare ? Come sempre resterà senza risposta...
2) chi pagherà le sistemazioni ? A questa, invece, la risposta è semplice. Noi, come sempre.

Trasparenza negli enti pubblici : v
irtuosi e furbi pari sono.
Recentemente abbiamo appreso dalla stampa che in Lomellina solo un comune su cinque è "conforme" con quanto prevede la normativa in fatto di trasparenza nella pubblicazione degli incarichi conferiti all'esterno.
Siti internet e nuove regole stanno aiutando i cittadini a capire meglio come chi amministra spende i soldi dei contribuenti.
Solo fino a poco tempo fa, tutto ciò sembrava impossibile da ottenere.
Il Ministro Brunetta ha contribuito in materia determinante ad aprire ai cittadini i municipi e gli enti pubblici in genere.
Prendiamo Sannazzaro, per il quale proprio su questo Blog a più riprese sono stati pubblicati i dati degli incarichi esterni conferiti nel corso degli anni.
Basta cliccare sul sito del Comune e nella sezione "incarichi esterni" vengono evidenziati i soldi spesi per le consulenze e per le altre mansioni per le quali, per legge o per carenza professionale, non si riesce ad allocarle all'interno del personale dipendente.
Vengono anche si resi noti i curriculum vitae e le retribuzioni dei dirigenti, e anche questo è un aspetto molto importante nel rapporto tra enti pubblici e cittadini.
Peraltro, appunto, Sannazzaro fa parte di quella "ristretta" cerchia di amministrazioni comunali che fin dall'inizio ha reso pubbliche le informazioni rientrando qundi nella normativa.
E gli altri 4/5 dei comuni che non informano i propri cittadini?
Non sarebbe forse giusto, come avviene nei confronti dei soggetti privati, che gli enti inadempienti fossero sanzionati e che la sanzione fosse resa pubblica ?
Si otterebbe un duplice beneficio : da un lato si solleciterebbero tutti gli enti pubblici a mettersi in regola, dall'altro si informerebbero i cittadini sul fatto che una quota delle proprie tasse comunali è finalizzata a pagare l'inadempienza di chi amministra.

Impresa di Sannazzaro coinvolta in indagine mafiosa
Alcune agenzie hanno battutto la notizia che alcune complesse attivita' investigative e tecniche condotte dalla Dia verso il clan Madonia hanno portato all'acquisizione di materiale relativo alla gestione monopolistica delle forniture di asfalti bituminosi, finalizzata all'imposizione coatta alle imprese aggiudicatarie di lavori stradali.
La Sultano Lavori srl, con il metodo mafioso, e' risultata per piu' di un decennio, privilegiata fornitrice, ben inserita nel comparto degli appalti pubblici riguardanti la posa di asfalto bituminoso (si evidenzia la realizzazione di piu' lotti dell'autostrada A-19 Palermo-Catania e di numerosi tratti stradali nelle provincie di Caltanissetta e Enna).
In particolare sono state confiscate imprese operanti nel settore delle costruzioni di edifici, lavori di ingegneria civile e produzione di asfalti e bitumi: la societa' Sultano lavori srl, con sede a Gela (Caltanissetta) e con stabilimento a Enna, C/da Pandusa-Capodarso; la quota societaria intestata a Sultano, pari al 20% del capitale sociale della societa' La nuova montaggi Srl, con Sede a Sannazzaro De' Burgondi (Pavia); l'impresa individuale Marcello Sultano, con sede a Gela in via Riemann; e l'impresa individuale Marcello Sultano, con sede a Gela, in via Risorgimento.

Piano programmatico del Comune.
Segnalo questo link
del sito del Comune dove possiamo prendere visione di tutto il materiale e le attrezzature in carico agli uffici comunali.
Scopriamo, ad esempio, che ci sono 4 cellulari ad uso degli uffici comunali, con scheda ricaricabile la cui spesa totale annua è stata di 730 euro e che per il carburante dei mezzi comunali è attiva una convenzione con ENI.
Ma soprattutto, dal link, è possibile prendere visione della relazione programmatica 2010-2012, ovvero come intende operare l'Amministrazione comunale e dove spendere i soldi.
Peraltro alcune indicazioni le avevamo già date in anteprima venti giorni fa.
Possiamo ribadirlo (come facciamo proprio in un P.S. di questo post) : a Sannazzaro la trasparenza nell'amministrazione comunale sembra finalmente di casa.
Non so quanti altri comuni possano affermare ciò e
l'invito è a tutti, come sempre, di informarsi su come a Palazzo Pollone spendono i nostri soldi.Se i cittadini fossero più informati le discussioni si alzerebbero di livello.
A breve leggerò il documeto e farò le mie considerazioni.

Il cuore dei sannazzaresi : il 5x1000 a Avis Sannazzaro.
Sono stati quasi 70 i cittadini che nel 2009 hanno devoluto il 5x1000 a Avis Sannazzaro.
Rispetto alla precedente dichiarazione c'è stato un incremento del 50%.
Il gran cuore dei sannazzaresi si riconferma anche questa volta.
I contributi saranno utilizzati per il proseguimento delle attività, in attesa del riscontro delle istituzioni (ASL) rispetto ai locali concessi dal Comune per attivare in paese l'Unità di Raccolta, ovvero il luogo dove effettuare le donazioni.
Intanto anche per la prossima dichiarazione dei redditi (da effettuarsi entro maggi-giugno) è possibie indicare Avis Sannazzaro come destinatario del 5x1000 (indicando il codice fiscale sotto riportato), un contributo peraltro che non costa nulla al cittadino in quanto rientra nelle tasse che già si pagano.


Complimenti bi-partisan.
La rete è un canale formidabile per la diffusione delle informazioni e l'interazione tra persone.Anche in politica.
Sono contento pertanto che due forze politiche sannazzaresi stiano usando internet come veicolo promozionale.
I due gruppi in FaceBook della Lega Nord e del P.D. sono aggiornati e utilizzati proprio in questo periodo di campagna elettorale per le elezioi regionali.
Io mi sono iscritto a tutte e due i gruppi, perchè voglio conoscere come si muovono, cosa propongono e le lro iniziative.
Non è una scelta politica, ma solo la volontà di conscere meglio la realtè in cui si vive anche attraverso l'opinione delle forze politiche.In periodo di bavaglio informativo, sono sempre e assolutamente più convinto che dal web arrivi la vera libertà di informazione.

Sannazzarese : che sberla !
La Portalberese, anch'essa squadra centro classfica, nell'incontro di recupero dell'altra sera è arrivata al Ghislieri e ha passeggiato tra le rovine dei nostri.0-5, un punteggio che parla da se.
Altro che Play-Off per salire in Prima categoria, obiettivo realistico fino a qualche settimana fa.. L'obiettivo adesso è la salvezza
Prime pagine dei giornaliHo cambiato nella sezione dei link, il collegamento alle prime pagine dei giornali nazionali
La parola ai cittadini. Scrivi a : cambiasannazzaro@libero.it
Carissimo Elvio
ti invio alcune considerazioni su come i commercianti intenderebbero il rapporto con l'amministrazione, rapporto che sino ad oggi è stato alquanto latente.
In otto mesi non c'è stato ancora nessun contatto con l'assessore se non per sapere che cosa avremmo fatto per le feste natalizie e per comunicare che era stato costituito il distretto del commercio, (bando della Regione Lombardia), vogliamo essere propositivi e rimaniamo in attesa, ma intanto lanciamo idee.
Sviluppo del commercio, sulla base di progetti che possano studiare strumenti di lavoro a supporto delle attività già in essere aiutando anche a capire che cosa di nuovo serve.
Scopo è quello di poter fornire al centro e alle zone periferiche un'offerta commerciale che sia di comodità e utilità per il cittadino.
La proposta di una card che nasca da Amministrazione e commercianti che permetta sconti e agevolazioni a tutti i cittadini Sannazzaresi e non.
La promozione di eventi, attività, manifestazioni in sinergia con l'Amministrazione Comunale, i commercianti e le associazioni locali come una grande opportunità sia in termini di rilancio commerciale sia in termini di marketing territoriale a vantaggio di tutto il paese.
Lo studio di una possibilità concreta di sostegno economico ai negozi e verso quei giovani che intendono aprire un'attuività premiando progetti innovativi e moderni, (abbassamento delle tasse locali,supporto tecnico ed amministrativo).
Iniziative che solo uno studio sinergico tra amministrazione e commercianti può trasformare in reali opportunità per i cittadini e per il rilancio dei negozi di vicinato Sannazzaresi.
Il commercio tiene in vita un paese, evita che diventi solo un luogo di passaggio ;i vari strumenti e le varie proposte che andranno in un tavolo di lavoro devono andare in questo senso.
Le risposte da parte dell'amministrazione che possono arrivare da questa mia, le possa già sapere, ma le considero solo come una giustificazione di facciata e niente altro.
Ciao
Marinelli Rodolfo.
Ricordo anncora la splendida riuscita della giornata dello scorso 6 dicembre (sfilata motociclette, sbandieratori per le vie del centro, via Cairoli finalmente chiusa al traffico e popolata di gente).
Gente+commercio=paese vivo.Se la pubblicità è l'anima del commercio, il commercio è l'anima di un paese.
Scorrendo il documento che traccia il contesto sannazzarese, allegato al Bilancio, ho scoperto che sono decine le attività commerciali esistenti, che testimoniano, almeno numericamente, che il commercio non sembra in crisi.
Io dico che ci vorrebbe più coraggio da parte di tutti, anche da parte dell'Amministrazione, per mantenere vivo il paese utilizzando anche le idee come quelle da te esposte.


La banda larga si estende
Per noi sannazzaresi l'evento accadde circa 5 anni fa.
In paese arrivò l'ADSL che permise a molte famiglie e imprese di accedere in pieno al mondo di internet.
Da allora sono nati siti, blog, gruppi su facebook e l'utilizzo dei personal computer, abbinati ad internet, èesploso.
Siamo ancora molto lontani dall'obbiettivo 1 casa-1 pc, ma in ogni caso un pò di strada si è fatta. Prossimamente saranno altri trentacinque i comuni della provincia che entro l'anno dovrebbero essere raggiunti dalla banda larga.Molti si trovano in Lomellina :Cilavegna, Galliavola, Lomello, Ottobiano, Palestro, Parona, Pieve Albignola, Pieve del Cairo, Valeggio, Valle Lomellina, Vellezzo Bellini, Zinasco, Albuzzano.
La copertura dovrebbe essere garantita tra l´80% e il 90%.
La realizzazione dell´infrastruttura di rete sarà in grado di garantire una rapida connessione ad internet per una popolazione di circa 57.000 cittadini dell'intera provincia territorio, andando a recuperare il deficit di connettività delle nostre zone.
L'estensione all'intera popolazione dell'internet veloce permette la riduzione del "digital-divide", ovvero la discriminazione tra chi può utilizzare per intero la capacità della rete per lavoro, studio e affari da chi invece è costretto ancora all'uso della vecchia e inutilizzabile connessione telefonica a 56k dial-up).

3a Camminata al Chiar di Luna.Il Gruppi di cammino, la nuova iniziativa del Gruppo Podistico Avisaido, offre ai cittadini la possibilità di organizzare camminate bi-settimanali per la campagna sannazzarese.
In quest'ambito Mercoledì 31 marzo ore 20.45 il G.P. Avisaido organizza la 3a edizione della Camminata al Chiar di Luna, la camminata notturna illuminata dalla l
una piena.
Il ricavato dalle offerte dei partecipanti sarà devoluto per un'iniziativa benefica.


A Siena con la Parrocchia.
La Parocchia organizza una gita di tre giorni nella splendida città di Siena, con guida turistica
Informazioni e prenotazioni presso l'Ufficio Parrocchiale.



Servizio di trasporto per le prossime elezioni
Si avvisano gli elettori che in occasione delle prossime consultazioni elettorali del 28 e 29 marzo 2010 sarà istituito un servizio di trasporto gratuito per disabili e anziani che sarà effettuato nel pomeriggio di domenica 28 marzo dalle ore 15.00 alle ore 17.00, e la mattina di lunedì 29 marzo dalle ore 8.30 alle ore 10.00, coloro che fossero interessati al servizio, sono pregati di rivolgersi presso l´ufficio servizi sociali entro venerdì 26 marzo 2010 alle ore 14.00.
Info : tel. 0382 - 995608 - 995632

Nessun commento: