30 ottobre 2009

127 La foresta pietrificata della politca sannazzarese inizia a riprendere vita




Buona Giornata a tutti.Prosegue la rilevazione tra i cittadini sull'opportunità di inibire parzialmente o totalmente il traffico in via Cairoli.
Oggi parliamo di politica. Anzi di "P"olitica, con la lettera iniziale maiscola.
Avrete certamente letto il
botta-risposta tra Pierangelo Fazzini e Giovanni Maggi, nei due precedenti post del Blog.

Al di là della obiettiva constatazione che il Blog è entrato di diritto nei canali informativi sannazzaresi, a mio avviso il duello a distanza è un bel segnale vitale di democrazia e di trasparenza.Finalmente il dibattito politico locale abbandona il campo della polemica sterile, senza contenuti e qualunquista ed entra nel merito delle questioni e delle cifre.
Ma abbandona anche l'estremo "politically correct" che in una realtà piccola come la nostra è stata spesso scambiata in passato da chi amministrava come un consenso di fatto.
Insomma quella in corso tra Giovanni Maggi (Aria Nuova) e Pierangelo Fazzini (Sannazzaro cresce) non è assolutamente una disputa controproducente per il nostro paese, non è un inutile azzuffarsi dimenticandosi dell'interesse comune.
Tutt'altro.
Questa Polemica (con la P maisucola) rappresenta a mio avviso un salto
di qualità nello stagnante panorama politico sannazzarese, andando ad inaugurare, spero, una stagione di confronto aperto sui veri problemi del paese.
Un confronto che potrà assumere anche il carattere di un duro scontro, ma che poi è il sale della democrazia.
Certo non siamo abituati probabilmente ad una dialettica così decisa e chi era seduto nei banchi della maggioranza ha perciò avuto in passato spesso gioco facile.
Pur non entrando nel merito delle questioni sollevate da Giovanni Maggi, a mio avviso quest'ultimo ha forse introdotto un modo di fare politica che richiede ai soggetti interessati (i politici appunto) di esporsi pubblicamente su temi e questioni fino a ieri trattate sotto
traccia o tutt'al più solo all'interno dell'austera, anche se istituzionale, aula consigliare.
Certo, il minimo comune denominatore è sempre lo stesso "agire per il bene del paese", ma si possono avere opinioni diverse sul "come" raggiungere l'obiettivo.
Maggi ha rimproverato a Fazzini le responasbilità come ex-amministratore per lo stato dei conti comunali.
Non solo.
Ha indicato proprio l'ex Vice sindaco come primo responsabile della sconfitta del centro-sinistra sannazzarese alle ultime elezioni comunali.
Un attacco, quindi, se vogliamo duro ma preciso e contestualizzato.
Fazzini ha risposto da parte sua di non comprendere così tanto astio nei suoi confronti, di avere si rivestito il ruolo di amministratore comunale, ma di averlo fatto insieme ad altri con cui, quindi, suddividere responsabilità e meriti.
Il Capolista di "Sannazzaro cresce", infine, si chiede dove sta andando a parare Maggi, quali siano le sue reali mire.
E' auspicabile che oltre a Maggi e Fazzini,tutti gli altri politici sannazzaresi, sia in maggioranza che in minoranza, imbocchino decisamente la strada della comunicazione aperta ai cittadini-contribuenti, della denuncia e della risposta magari utilizzando proprio la rete, meraviglioso strumento di informazione diretta in grado di aiutare gi azionisti del comune (tutti noi) a
capire meglio le varie posizioni sui temi di interesse generale. Una cosa comunque da subito è certa.
Rileggendo i post e i commenti del Blog di un anno fa ci si rende conto immediatamente che qualcosa in paese è realmente cambiato.
Sono cambiati in parte gli attori della politica ed è cambiata l'Amministrazione comunale.
Dove c'è cambiamento, alternanza e quindi competizione, c'è trasparenza, all'insegna quindi di uno spirito autenticamente liberale e democratico.
"I politici sono come i pannollini e per lo stesso motivo vano cambiati spesso", si citava in un film americano.
E questo deve valere sempre, a prescindere dal colore politico di chi c'è in amministrazione.
Altrimenti si creano quelle pericolose ramificazioni nella società che sono la premessa per il mantenimento del consenso attraverso il voto di scambio e i favori personali.
Forse, cari sannazzaresi, avremmo potuto arrivarci anche molto prima, ma in ogni caso la foresta pietrificata adesso sembra aver riacquistato la vita.
Facciamo tutti in modo che non sia solo una primavera.





Tassa sui rifiuti : pagare tutti per pagare di meno.
Quante volte abbiamo sentito in paese porre questa domanda:"Sannazzaro è un paese dove i soldi non mancano, grazie a ENI.
E allora com'è che le tasse sono così alte?In attesa di vedere abolita l'addizionale Irpef (come dichiarato dalla maggioranza nell'avvio della legislatura), qualche rilfessione si può anche fare sulla Tarsu, la tassa di smaltimento dei rifiuti. Ho fatto un rapido calcolo e ho visto che in 4 anni la tassa a Sannazzaro è aumentata del 10%.Questo, nonostante ci sia stato un aumento, seppur modesto, della raccolta differenziata, differenziata che mi aspetto si incrementi maggiormente quest'anno con l'avvio per la zona del centro della raccolta porta-a-porta.
Ma mentre a Sannazzaro l'imposta sale, a Ferrera scende e anche molto, almeno stando a quanto la stampa riporta.
Nello stesso periodo dove da noi la Tarsu è cresciuta, a Ferrera è diminuita del 40%.
Come è stato possibile ? Semplice.La "menefreganza" interessata ai fini elettorali dei vecchi amministratori sannazzaresi, la stessa per intenderci che ha provocato il maxi-buco nei conti pubblici causato dagli insoluti del gas, sembra essere sconosciuta o quasi a Ferrera.
Gli amministratori del paese vicino a noi hanno effettuato i dovuti accertamenti andando a pescare i furbini che evidentemente hanno evaso nel tempo la Tarsu, recuperando denaro pubblico e abbassando la quota pro-capite.
Si spera che anche da noi si avvii una analoga attività che permetterebbe a tutti i cittadini di pagare di meno.




Ordinanza anti-prostitute.L'ordinanza anti prostituzione emanata dal Comune avra' effetto?
Sabato scorso, 24 novembre, ore 23,15 le "escort on the road"erano 4, meno del solito, ma sempre troppe. Intanto sono arrivate le prime multe.
Nessuno si era illuso che la legge Carfagna, esempio come tanti di marketing politico, potesse mettere fine al fenomeno più vecchio del mondo.
E nessuno si illuda che una misura, seppure giusta e sacrosanta, presa da un singolo ente locale possa fare sparire le signorine del sesso da Sannazzaro.
Ci vorrebbe una legge nazionale più illuminata che abbia il coraggio di riaprire degli spazi regolamentati dove espletare il sesso a pagamento.
La speranza pertanto è che nel breve termine si possa quanto meno ridurre il fenomeno e che Sannazzaro possa perdere la fama di paese noto anche per le prostitute.
Ne faremmo volentieri a meno.

Furbi battono vigili 11 a 0.Sabato mattina 24 ottobre, ore 10.00-10-30.Il centro del paese, come sempre in questo giorno e a quest'ora è frequentato.
Tra il primo tratto di via Bigli e l'adiacente via Cavour (si, proprio la via dove ha sede il Comune e dove mi risulta... abbia sede la Polizia Locale) ho contato 11 auto parcheggiate in maniera abusiva, con il comodo parcheggio di piazzale Mainoli vuoto per i 4/5.
Nello stesso periodo ho contato ZERO vigili presenti, i quali quindi perdono 11 a 0.
Ma a essere sconfitta non è solo la Polizia Locale.
No, a essere sconfitta quotidianamente è la legalità e il senso civico che i tutori dell'ordine dovrebbero invece garantire nelle strade.
Questo Blog da sempre è schierato a difesa della legalità e continuerà con questa posizione anche a costo di innimicarsi qualche cittadino.
Perchè, vedete, siamo tutti pronti a protestare contro i vigili che non sanzionano e tollerano gli incivili.
Ma poi quando siamo toccati, scatta la solita litania-italiana per cui "ci sono ben altre persone da multare" etc...
Se esiste una legge, questa va rispettata e se non la si rispetta scatta la sanzione.
E' una questione di senso civico.
Ora, sono io il primo a dire che cambiare registro dopo anni di "menefreganza" è dura, la gente è abituata (male).
Ma se non si cambia adesso quando si cambia.
Abbiamo un capo dei vigili nominato da poco più di un anno, un Assessore (Fuggini) di fresca nomina, che in tema di legalità ha fatto uno dei suoi cavalli di battaglia.




Biblioteche sannazzaresi on-line.
Ero a conoscenza del Sistema bibliotecario della Lomellina , importante rete che permette di avere visione dei volumi in catalogo in molte biblioteche della nostra zona.
Con il Sistema bibliotecario è possibile verificare la disponibilità dei libri richiesti e prenotarli(vedi come funziona), con consegna entro una settimana.
Ma parlando di biblioteche (e quindi di cultura), ho notato con piacere come anche la Parrocchia ha messo on-line il proprio catalogo di volumi consultabili.

4 commenti:

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
elvio vivaldini ha detto...

Cancellato commento inserito da anonimo.
Per favore inserite il vostro nome e cognome, grazie

Marco Schena ha detto...

Elvio pero' anche gli utenti anomini sarebbero da rispettare se con i loro commenti non offendono delle persone o dicono cose false.
Pero' questo è il mio pensiero.

elvio vivaldini ha detto...

Vedi Marco.
E' troppo comodo continuare a commentare indossando la maschera.
Se uno non ha nulla da temere, può tranquillamente firmarsi.
La libertà, come cantava il grande Gaber, è "partecipazione" e una comunità si sviluppa e migliora se c'è uno scambio di idee, di proposte e quindi anche di commenti.
Ma il tutto deve avvenire alla luce del sole, altrimenti si fa il gioco di chi ha tutto l'interesse a mantenere delle posizioni di privilegio facendo leva sugli interessi "particolari" a scapito degli interessi del nostro paese.
ciao