6 novembre 2008

Distanze di anni luce

L'America è lontana. Anni luce.
Si, lo so.
Il Blog dovrebbe parlare solo di Sannazzaro. E sinora è stato solo così.
E lo sarà anche in futuro.
Ma l'evento del giorno, anzi dell'anno e forse del secolo è la vittoria di un afro-americano nel Paese dove "impossibile is nothing".
Scusate se per una volta questo Post salta i confini burgundi, lomellini e si proietta altrove, oltreoceano.
Ma la distanza tra noi e l'America non è quella chilometrica, quella delle 6-10 ore di differenza del fuso orario.
No. La distanza, in questo caso, la si misura in anni luce.
Mi viene il magone a pensare come siamo ridotti noi italiani.
E mi viene una rabbia zuppa di invidia a pensare cosa hanno potuto fare negli USA.

Riporto alcune frasi di un post dal Blog di Beppe Grillo ed in fondo la traduzione integrale del discorso di Obama nel giorno della vittoria: un discorso di altri tempi, di uno Statista che ha rispetto e stima per il suo avversario politico appena sconfitto.

Consiglio qualche riflessione

Obama ha vinto.
Obama ha dichiarato: "Gli Stati Uniti sono il posto dove tutto è possibile".
Guardo il mio Paese dove niente è possibile.
Un piduista capo del Governo.
Un´opposizione indecente.
L´informazione sotto controllo
. E mi viene il magone.
Obama, giovane, colto, slanciato, intelligente, di colore, parla di futuro, di innovazione.
"Il cambiamento è arrivato", ha detto.
"La nostra vittoria è partita dal basso".
Da noi quando arriverà?
I Berlusconi, i Napolitano, i Gelli, gli Andreotti sono vecchi che viaggiano tra i 70 e i 90 anni.

Vogliono vivere in eterno, fino a 120 anni.
Il Paese è una stanza piena di aria viziata.
Chi vuole aprire la finestra, portare venti di cambiamento, puliti, onesti, viene massacrato come fu Borsellino, come fu Ambrosoli.
Immaginate Obama che, come primo atto di Governo, dichiara la sua immunità per legge per salvarsi da un processo di corruzione.
Durerebbe poche ore, poi dovrebbe fuggire all´estero.
Pensate a Obama che parla di inceneritori e di centrali nucleari, avrebbe vinto McCain.
Obama è una speranza, Veltrusconi una condanna.
L´Italia stanotte è invecchiata di colpo.
Ci guardiamo allo specchio e ci spaventiamo. Cosa siamo diventati?
Cosa ci aspetta senza un cambiamento radicale?
La Rete ha annunciato per prima la vittoria di Obama, 3.000 comuni italiani su circa ottomila sono senza ADSL.
Peggio dell´Africa
, ma con il digitale terrestre d´antiquariato.
Scusate, devo riprendermi.
Obama mi ha tirato un colpo basso, da oggi sarà più difficile capire perché viviamo, perché dobbiamo vivere in questo sfascio.
La Rete è stata fondamentale per la sua campagna, è un segnale della fine dei giornali e delle televisioni.
La rivoluzione in Italia, se ci sarà, non sarà televisiva.
Informiamoci e informate in Rete, senza sosta.
Forse la finestra si spalancherà, belin. Loro non molleranno mai, noi neppure.

Qui è possibile leggere il
discorso in italiano di Barack Obama dopo la vittoria.
L'Amercia è lontana. Anni luce

5 commenti:

vittorio Airoldi ha detto...

Gli Stati Uniti, il popolo statunitense ci ha dato una bella lezione di democrazia, quella vera, i democratici americani sicuramente si vergognerebbero a essere paragonati a quelli sedicenti italiani. C'è un presidente neoeletto che dichiara di essere il presidente di tutti gli americani, lo sconfitto che dichiara che il nuovo presidente è anche il suo presidente, una campagna elettorale dove, punti di vista politici a parte, non vi è stato alcun attacco a a livello personale. In Italia, invece, capita che c'è una parte politica che perde le elezioni, non accetta la sconfitta e chiede il conteggio delle schede elettorali, dall'altra parte, dopo una battuta del presidente del consiglio sull'"abbronzatura" di Obama, c'è un'opposizione piccola e indecente che grida allo scandalo. I problemi e gli scandali sono tutt'altra cosa, ma in Italia, è noto che le cose che contano sono il "cadreghino" e il portafoglio, non esistono più ideali e etica.

maraperego ha detto...

E' vero, siamo capaci di imparare tutte le possibili "americanate",
ma se si tratta di imparare i veri comportamenti democratici, allora ci giriamo dall'altra parte. Da noi chi perde le elezioni è solo capace di affermare che:"faremo opposizione a 360 gradi", a prescindere dalla validità delle decisioni.L'importante è dire sempre il contrario della parte avversa, perchè l'ultima cosa che conta è il bene del paese, mentre la prima è l'orticello del singolo.
Vittorio, ho detto praticamente quello che hai già detto tu e chissà quanta altra gente lo dice, l'unica molto vaga speranza è che, a furia di dirle, possano scalfire un pochino il granito dell'ottusità generale.

il pacio ha detto...

all'inizio leggevo volentieri il blog perche' finalmente pensavo che qualcuno tirasse fuori veramente cio' che di brutto c'e' a Sannazzaro e invece mi devo ricredere. Analizziamo l'amminisrazione del nostro comune (volutamente con la c minuscola). Schiaretti e Fazzini il vecchio trito e ritrito i dinosauri che tutti criticano ma sempre lì sono (Andreotti e c..), Abela ... alla faccia del conflitto d'interesse!!!! (Berlusconi), i soci o ex soci (mah?)del Sindaco incarichi a non finire (tutti i politici di Roma in genere o poco meno..). E così via forse in ogni Comune d' italia (i minuscola) perchè questo e' il DNA dell'italiano. Parliamo di Obama il salvatore del mondo ciò per cui tutti sono felici? Guardate cosa hanno fatto ieri le borse .. a picco! bella risposta degli americani alla sua elezione. In ultimo analizziamo il nuovo Dio degli italiani .. Il beppe (b minuscola) che si eleva a moralizzatore delle masse... HA FATTO CASSA IN QUESTI TEMPI E ANCHE TANTA. Queste sono le realtà delle cose e la quotidianità del nostro bel paese. OBAMA A TUTTI e vedremo come andrà ...

Paola ha detto...

Oh "il pancio" (che simpatico nomignolo!) hai proprio ragione. Forse si guarda all'America con invidia pensando "I have a dream"......
E' vero il nostro comune è un vero "Jurassic park". Perchè non c'è la volontà di cambiare il paese? Perchè non c'è la volontà di renderlo migliore.... di "pulirlo"?
Perchè quando dico che abito a Sannazzaro mi dicono "ah sì il paese a luci rosse... delle donnine allegre!" Perchè? Tutti vedono, carabinieri compresi, e nessuno fa nulla.
Purtroppo sono pochissime le persone che all'interno dell'amministrazione vorrebbero cambiare qualcosa ma guarda caso c'è sempre qualcuno che mette il bastone tra le ruote.
Adesso vedrai... in aria di elezioni politiche... ci prometteranno mari e monti... (OOh la famosa piscina!) ... urleranno "WE CAN" e qualcuno come sempre ci abboccherà!
Forse era meglio al tempo del RE quando a "mangiare" era uno solo!!!!!!!
E' una vergogna!

Anonimo ha detto...

Hello my family member! I wish to say that this post is amazing, nice written and
include approximately all vital infos. I would like to look
extra posts like this .

my blog post; medical negligence solicitors