26 febbraio 2010

145 - La Nuova Amministrazione alla prova del Verde



Buona settimana a tutti.
Qualche anno fa, parlando con un allora amministratore comunale, mi lamentai per l'erba alta che rendeva inagibili molte aree verdi del paese.
Gli feci presente che ogni anno, in primavera, il problema era lo stesso : il Comune aveva bisogno di una svegliata prima di avviare la regolare manutenzione del verde.
Mi rispose che il problema era legato all'appalto del servizio che esigeva tempi tecnici... Restai con i miei dubbi !
Oggi, a poche settimane dall'inizio della primavera, avrete capito parliamo della manutenzione del verde, un esordio per chi ci amministra da giugno.

Prima però un ringrazimento a tutti i riscontri sul Blog.
C'è chi me lo dice a voce e c'è chi me lo scrive.
Ma c'è anche chi lo legge, pur non palesandolo. E questi sono la maggioranza.
"Cambia Sannazzaro" è ormai diventato il "Blog di Sannazzaro".
E del resto in Google scrivendo Blog Sannazzaro, questo è quello che appare in cima alla lista del motore di ricerca.
Dei quasi 40 siti monitorati da "Lombardia Top", uno strumento che misura gli accessi dei siti/blog in Lombardia (ovviamente di quelli censiti), il "Blog di Sannazzaro" è 17° con una media di oltre 29 accessi al giorno (consultabile con il bottone in fondo al Blog).
Considerando che attualmente la frequenza dell'aggiornamento del Blog è settimanale, 30x7=210 persone che leggono il Blog ogni settimana....
I sannazzaresi dimostrano di puntare anche sulla rete per informarsi e questo non può che farmi molto contento. Bravi!

Sannazzaresi come il Vice Sindaco Signorelli, che anche oggi sceglie il Blog per commentare l'ultimo Consiglio Comunale nel quale si è votato il primo bilancio della nuova Amministrazione.
Del resto quando lanciai l'iniziativa, tra i pilastri fondanti di Cambia Sannazzaro (per cambiare Sannazzaro), c'era anche questo : creare uno strumento che permettesse ai cittadini-contribuenti e ai poltici-amministratori di avvicincarsi, di meglio relazionarsi.
Un paese cresce e cambia anche se girano le idee e le opinioni.
Veniamo al verde.
A essere onesti negli ultimi 2-3 anni alcuni passi avanti sono stati fatti e l'erba, ad esempio, viene tagliata dalla società che ha (aveva ?) in appalto il servizio con una discreta frequenza.
Vediamo se con la nuova Amministrazione si migliorerà ulteriormente il servizio o meno.
Un assessore, alcune settimane fa, mi confidava con entusiasmo che in paese avremo a breve dei giardini molto curati.
Condivido l'auspicio e spero sinceramente che anche a Sannazzaro il "verde" possa fare il salto di qualità.
Mi preme comunque sottolinerare tre aspetti che rappresenterebbero un bel passo in avanti.
1) Perchè chi taglia l'erba nei giardini pubblici non raccoglie anche la carta?
Sembra assurdo, vero ?
Eppure fu proprio un addetto alla manutenzione del verde che mi mise di fronte a questa incomprensibile realtà ("Bè potremmo anche pulire i giardini. Solo che il contratto non lo prevede"). A volte nel pubblico servizio sembra di essere di fronte ad aspetti diabolici....
2) Le piante, andrebbero curate meglio e potate con cadenza regolare.
3) La manutenzione dei giochi, delle panchine e dei cestini, non è possiible affidarlo in appalto a chi cura il verde?
Un paese più bello e in ordine è un paese che "fidelizza" meglio i propri abitanti.
La primavera è alle porte. A breve avremo la risposta e il riscontro.



Il ViceSindaco sceglie il Blog per comunicare i suoi interventi sul BilancioIntervento di presentazione del Bilancio."Egregi Consiglieri, egregi Concittadini,
la nostra Amministrazione,a seconda delle idee di chi viene interpellato, e' per 5 minuti un'accozzaglia di incapaci oppure un gruppo di virtuosi per i successivi 5 minuti.
Ma mai, neppure per un secondo, quello che dovrebbe essere: una coalizione chiamata a rendere conto delle promesse eventualmente non mantenute; considerato che il rendiconto delle promesse,mantenute o no,si fa in base al programma elettorale presentato ai Cittadini; considerato che ad oggi la nostra Amministrazione e' in carica da 8 mesi su 5 anni di mandato;considerando che nel nostro Programma elettorale, depositato a norma di Legge, era scritto tra l'altro quanto segue: "risposte concrete e non enunciazione di principi. Se c'e' una strada da rifare,bisognera' trovare il modo di realizzarla; se c'e' una scuola da ristruttuare od ampliare,noi faremo di tutto per farlo;se sul territorio c'e' bisogno di maggiore sicurezzza,noi abbiamo il dovere di soddisfare l'esigenza di maggiore tranquillita' dei cittadini che hanno deciso di vivere a Sannazzaro".
In questi termini, gli interventi attuativi del nostro Programma saranno comunque finalizzati al rispetto dei criteri di rigore nella gestione del Bilancio pubblico.
L'attivita' di un'Amministrazione dipende dalle condizioni di partenza ed anche dalle condizioni esterne in cui si opera.
La condizione di partenza e' il bilancio di previsione 2009, con cui ci siamo trovati a fare i conti nella seconda meta' dell'anno appena trascorso, essendo i numeri delle "coperture di spesa" in parte sovrastimati: 150.000 euro di accertamenti Tarsu di cui accertati zero, e poi euro 280.000 di oneri di urbanizzazione di cui acccertati 100.000, oltre a 150.000 euro di sanzioni per violazioni al Codice della strada che hanno costretto i nostri Vigili a fare gli straordinari nella seconda meta' dell'anno,in quanto al 9 giugno 2009 erano stati accertati solo ....

Per le attivita' culturali e sportive, vi daro' i conti sempre al 9 giugno 2009, data del nostro arrivo in Comune: nel capitolo del gemellaggio rimanevano ancora 20 euro dei 9000 stanziati a inizio anno, dei 53.000 euro stanziati per le attivita' culturali,ne rimanevano ancora 4.800, e potrei continuare.
Tuttavia nel bilancio di previsione 2010 abbiamo assicurato le condizioni di base: la tenuta sociale e anche quella sostanziale dei conti pubblici. Non abbiamo aumentato nessuna tariffa, mentre la precedente Amministrazione aveva aumentato la Tarsu del 5%, le spese per l'assistenza sociale e lo sport sono rimaste invariate.
In questo contesto non e' stato possibile,nell'arco di pochi mesi,assicurare le condizioni per l'azzeramento dell'addizionale Irpef,che comporta per le casse del Comune un introito di euro 263.000; essa verra' comunque attuata per il 50% nel 2011 e per il 50% nel 2012,come risulta dal bilancio pluriennale e dalla relazione previsionale e programmatica.

Intervento finaleRingrazio i Consiglieri per i loro interventi, ma le considerazioni di fondo da me precedentemente espresse restano e le ribadisco.
Qualcuno mi ha detto : "Pensavo Tu avessi piu' coraggio nella redazione di questo bilancio".
Per me il coraggio e' venire qui tutti i giorni, rimboccarsi le maniche e lavorare duramente per realizzare cio' che abbiamo progettato.
Non e' certo coraggio, secondo me, apparire grandi sui manifesti elettorali, mediare cio' che non e' mediabile,rinviare l'onesta' intellettuale a tempi piu' comodi.
Ci vuole molto piu' coraggio a farsi da parte, quando gli Elettori, col loro voto, ci dicono che il nostro tempo e' scaduto.
Investimenti: abbiamo previsto 4.500.000 di euro nel triennio, di cui circa la meta' finanziati con fondi provenienti dalla Convenzioni con ENI, 1.700.000 euro con project financing (sto parlando della nuova Caserma dei Carabinieri,inserita dalle precedenti amministrazioni in ben 3 programmi elettorali consecutivi e mai realizzata); gran parte dei fondi ENI destinati,come di Legge,a progetti di mitigazione e riqualificazione ambientale, di cui diamo la priorita'al Parco della Costa e ai due parchi urbani nelle Aree situate sulla Provinciale per Ferrera,che verranno collegati da una pista ciclabile protetta ed illuminata che unira' i due Comuni.
Altro progettto fondamentale che e' in fase di realizzo il potenziamento della nostra Centrale gas ormai obsoleta, e poi i viali alberati e le fognature che,anche se non si vedono, sono altrettanto importanti delle cose che si vedono.
Cosi' la nostra Amministrazione vuole adempiere al proprio mandato.
A mio avviso non giova la polemica sul famoso buco ereditato dall' Amministrazione precedente: tra fare una polemica e lavorare per realizzare un programma, preferisco in assoluto la seconda ipotesi; ma denunziare il buco non e' stato, e non e', contestare i risultati del lavoro prodotto dalle precedenti Amministrazioni, ma piu' oggettivamente prendere atto degli effetti prodotti dalle passate gestioni, attraverso un "ciclo elettorale" lunghissimo (1990/2009) in cui c'e' stato di tutto,tranne che una reale politica nell' interesse dei cittadini.
Osservo anche che il periodo di 5 anni non e' stato inventato per evitare ai cittadini il fastidio di dover votare tutti i giorni, ma perche' gli elettori possano giudicare il risultato del Sindaco che hanno scelto alla fine del suo mandato.
Vi ringrazio per l'attenzione.

Fin qui le note del Vice Sindaco e Assessore al Bilancio.
Io mi sento di dire una cosa sola, anzi due.
Intanto ci sono adesso almeno degli elementi oggettivi e ufficiali su cui ragionare in termini di bilancio.
C'eravamo stufati di sentire a giorni alterni maggioranza e opposizione duellare astrattamente (e sui giornali) sull'esistenza o meno di fondi nelle casse comunale, sulla presenza o meno di deficit. Le cifre di Signorelli sono quelle ufficiali. Ognuno tragga le proprie considerazioni
Seconda cosa.
Pur conoscendo la grande importanza del Bilancio, la cui approvazione è forse il momento più qualificante in cui viene chiamato ad esprimersi il Consiglio comunale e le cui linee guida condizionano l'operato della Giunta, mi piacerebbe che il dibattito tra le forze politiche avvenisse anche sui servizi erogati, sul livello di funzionamento e sul gradimento dei cittadini.
Già un anno e mezzo fa, ben prima delle ultime elezioni comunali, scrissi ripetutamente che a mio avviso chiunque avesse vinto avrebbe dovuto dare molta attenzione ai Servizi.
La precedente amministrazione ha operato in buona parte puntando sulle grandi opere (ristrutturazioni di edifici pubblici in primis).
Non entro qui nel merito se furono scelte giuste o sbagliate.
Ma credo sia condivisibile il fatto che per i prossimi anni è il livello di efficienza dei servizi che deve essere messo sotto la lente di ingrandimento.
Manca la Piscina ?
Bene, se è possibile valutiamo "seriamente" se farla o meno e soprattutto valutiamone la sostenibilità nel tempo (ma per favore basta con le prese in giro viste sinora)
La nuova Caserma dei Carabinieri ?
E' uno dei cavalli di battaglia di chi ci amministra.
Facciamola, sperando poi che a fronte di tale spesa corrisponda realmente un maggiore presidio del territorio da parte delle forze dell'ordine.
Ma poi credo che ci si debba occupare delle due "S" che a mio avviso sono alla base del futuro del paese : Servizi e Sviluppo.Sullo Sviluppo ci torneremo a breve.
Sui Servizi io dico che mi piacerebbe vivere in un paese sicuro, pulito, ordinato, con il verde curato e con il patrimonio comunale finalmente mantenuto come si deve e dove i servizi erogati dal comune siano efficienti.
Il Bilancio ?
Non so dire come questi aspetti vengano poi declinati nella complessità del Blancio comunale.
So invece dire come questi aspetti influiscano sulla "fidelizzazione" dei cittadini verso il loro comune.
Più un paese è curato e con servizi efficienti, maggiore è la stima che ne hanno i suoi abitanti e migliore è la vivibilità.

Banda Iris. Una precisazioneMi hanno fatto notare che il Blog prima di riportare la notizia sulla assenza della Banda Iris dalla sfilata del carnevale Burgundo avrebbe dovuto informarsi sulle motivazioni.
Premesso che il Blog è anche un forum di discussione, n
on sono d'accordo.
Io ho riportato la foto esposta proprio davanti al corteo che riportava la scritta "La Banda non c'è. Perchè ??"I commenti dei partecipanti alla bella giornata erano del resto in sintonia : anche loro si sono chiesti (come me) perchè la Banda del paese non c'era.
E credo, che l'unico soggetto che può rispondere a tale domanda è proprio la Banda.
Ribadisco, il Blog resta a totale disposizione della Banda per le repliche.
Il Presidente della Provincia risponde sul Ponte della GerolaCome è noto considero le Provincie enti superflui...
Le loro competenze (poche) potrebbero essere riallocate tra Comuni e Regioni, eliminando pertanto l'esigenza (oggi un lusso non più sostenibile) di avere assessori, consigleiri etc...
Rimarrebbero, ovviamente, le strutture operative degli uffici che opererebbero coordinate dalla Regione, nel cui Consiglio esistono già rappresentanti eletti sul territorio.
In ogni caso, ho interessato del problema del Ponte della Gerola il presidente della provincia di Pavia, Poma.Poma da un paio d'anni ha lanciato una iniziativa che penso sia molto utile ai cittadini.
Sul sito della Provincia esiste una funzione che permette di sottoporre al Presidente le segnalazioni e i problemi.
L'avevo già utilizzata un paio di volte in passato e Poma ha sempre risposto.
Gli ho scritto relativamente al degrado del Ponte della Gerola

"Gent.le Presidente, le segnalo la grave situazione del Ponte del Po alla Gerola.
1) l'impianto di illuminazione è da giorni fuori uso, lasciando al buio l'intera infrastruttura
2) il pavè, completamente rifatto alcuni anni fa, è in condizioni di estremo degrado, credo a causa del passaggio dei mezzi pesanti, i quali però non potrebbero accedervi.
In considerazione del fatto che chi utilizza quel tratto i di viabilità che collega la Lomellina all'Oltrepò ha dovuto già sobbarcarsi i 38 mesi di chiusura parziale del piccolo ponte sul torrente Riazzolo, riporto la forte preoccupazione dei residenti della zona per il potenziale rischio di chiusura del Ponte in oggetto.
Cordiali saluti
Elvio Vivaldini"
Ecco la sua risposta
"La ringrazio per la segnalazione per permetterà ai nostri Uffici di attivarsi rapidamente per risolvere alcune criticità.
In primo luogo, gli Uffici provvederanno a verificare l'illuminazione e a porre tempestivamente rimedio ai guasti.
Per quanto riguarda il transito dei mezzi pesanti, che possono rappresentare un elemento di rischio per la transitabilità del ponte e per la sua sicurezza, provvederemo ad allertare la Polizia Stradale perchè intensifichi significativamente i propri controlli.
Posso assicurarLa l'impegno della Amministrazione a fare tutto il possibile per curare la manutenzione del ponte e per garantirne la sicurezza. Cordiali saluti. "

Invito tutti i cittadini ad usare, quando ci sono, i canali di comunciazione con gli enti pubblici.
Giusto, giustissimo lamentarsi sull'inefficienza, ma bisogna fare sempre la propria parte, fosse anche solo quella di segnalare.

Il Petrolio Killer sarà stoccato a Sannazzaro.
Sembra che sia questa la destinazione del Petrolio assassino che sta uccidendo il Lambro.
"E' un disastro ambientale": questo è il termine usato dalla Provincia di Milano per definire la marea nera di gasolio e petrolio uscita dal serbatoio di una raffineria vicino a Monza, e finita nel fiume Lambro. Sembra si tratti di un atto doloso.
Certo è in corso una strage di anatre e germani, e l'onda velenosa, composta da 600 mila litri di idrocarburi, sta per raggiungere il Po.
Le prime anatre morte sono state raccolte persino al parco Lambro a Milano .
I tecnici parlano di «bomba ecologica».
La Provincia di Milano ha individuato tre centri di smaltimento per le autobotti cariche di liquidi inquinanti ufficiale: gli interventi di bonifica per il carburante che si è sparso nel fiume Lambro: aMelegnano, presso il consorzio Cosint, a Sesto San Giovanni e a San Zenone al Lambro dal gruppo Marazzato.
Una volta recuperato dall’acqua con le idrovore, il carburante verrà stoccato nella raffineria Eni di Sannazzaro De Burgondi.
Legambiente parla di «disastro ambientale senza precedenti per l’ecosistema del fiume Lambro che ne pagherà a lungo le conseguenze». Si tratta di uno «dei più gravi disastri ambientali verificatisi in Lombardia», anche perché «potrebbe avere conseguenze di lungo periodo, considerata la messa fuori servizio del grande depuratore di Monza San Rocco, che tratta le acque fognarie di oltre mezzo milione di brianzoli».
«Qualunque ne sia la causa, accidentale o dolosa - sottolinea Damiano Di Simine, presidente regionale di Legambiente- questa nuova catastrofe torna a mettere in luce l’insufficienza della prevenzione dei rischi industriali».
Ieri il prefetto di Milano Gian Valerio Lombardi ha convocato in Prefettura tutte le componenti dell’organismo di soccorso, per approntare le prime misure idonee a contenere i danni ambientali.
A Stamane il forte odore di gasolio che si sprigiona dalle acque del Lambro inquinato ha raggiunto anche l’intero abitato di Lodi, con disagi e proteste degli abitanti.
Chiarito dove verrà stoccato il petrolio assassino, visto la probabile natura dolosa dell'incidente resta da stabilire chi siano i responsabili, i veri assassini e criminali che hanno provocato una tale ecatombe ecologica.
In Italia, è noto in galera non va più nessuno o quasi.
Speriamo che questi delinquenti facciano parte di quel "quasi".




Farfalle della Solidarietà.Tornano in piazza le farfalle della solidarietà, con il patrocinio del Comune di Sannazzaro de' Burgondi l'associazione "Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare" organizza la " VI^ Giornata Nazionale UILDM" Domenica 14 Marzo 2010 in Piazza Cesare Battisti davanti alla Chiesa Parrocchiale Avis Sannazzaro : approvato il primo Bilancio Sociale.

Primo Bilancio Sociale per Avis Sannazzaro.L'Assemblea dei Soci di Avis Sannazzaro ha approvato il primo Bilancio Sociale, un documento che oltre alla componente finanziaria traccia le attività e il contesto in cui si muovono gli avisini sannazzaresi. All'assemblea era presente il Segretario provinciale dell'Avis che ha elogiato Avis Sannazzaro per gli ottimi risultati ottenuti e per il grande entusiasmo riscontrabile nell'opera di rilancio della sezione.
Il Bilancio Sociale è consultabile sul sito www.avissannazzaro.it

Nessun commento: